Passa ai contenuti principali

Metodo Zamboni: un nuovo prototipo di stent progettato per gli impianti venosi

Articolo del 14 giugno 2014 preso da mediterranews.org

Secondo alcuni ricercatori italiani dell’Hesperia Hospital di Modena, l’ostruzione venosa a livello ileocavale in entrambe le forme, primarie e secondarie, è una causa importante di insufficienza venosa cronica. Un nuovo approccio terapeutico per questa patologia è emerso con l’introduzione di procedure di stenting che si sono rivelate efficaci, portando a buoni risultati a lungo termine. Tuttavia, attualmente la maggioranza degli stent impiantati sono stati progettati per gli impianti arteriosi e questo può rappresentare un limite in particolari distretti. Lo scopo di questo veloce studio preliminare era di verificare la realizzabilità e la sicurezza di un nuovo stent appositamente progettato per gli impianti venosi nei vasi. E’ stata valutata la sicurezza e la capacità di due stent in nichel-titanio intrecciati ad auto-espansione (Jotec GmbH, Hechingen, Germania) appositamente progettati per protesi endovascolari nelle vene. I due stent, pur essendo basati sullo stesso concetto, hanno un design diverso: lo stent A presenta una forma affusolata prossimale appositamente progettata per ridurre la migrazione, mentre lo stent B non lo fa. Entrambi sono ingrossati alle loro estremità distali e presentano una forza radiale variabile, la lunghezza dello stesso stent, diventando detta forza molto alta nel tratto intermedio. Gli stent sono stati impiantati nella vena giugulare interna di una pecora, mostrando la realizzabilità ottimale. La venografia di completamento ha mostrato la migrazione dello stent B nell’atrio destro. Lo stent A ha mantenuto la sua posizione, confermata mediante ecografia intravascolare. Non è stato rilevato alcun effetto barriera ed è stata ottenuta un’adeguata aderenza ed adattabilità alle pareti venose. In conclusione, secondo gli autori, il design dello stent A corrisponde alle caratteristiche richieste dagli impianti venosi. La stabilità è stata raggiunta anche in presenza di condizioni anatomiche difficili, come nelle vene giugulari. L’implementazione è semplice e precisa in una determinata zona di atterraggio. La forza di resistenza radiale è molto elevata, come richiesto per specfici distretti venosi, ma è anche associata con una buona flessibilità. A seguito di questo veloce rapporto preliminare, sono necessari ulteriori studi.


Abstract

Venous obstruction at iliocaval level in both forms, primary and secondary, is a significant cause of severe chronic venous insufficiency. A new therapeutic approach to this pathology emerged with the introduction of stenting procedures that proved effective, leading to good long-term results. However, at present, the majority of implanted stents have been designed for arterial implant and this can pose a limit in particular districts. The purpose of this preliminary acute study was to verify the deliverability and safety of a new stent specially designed for venous-vessel implant. We assess the safety and deliverability of two braided, self-expanding, nickel–titanium stents (Jotec GmbH, Hechingen, Germany) specially designed for endovascular implant in veins. The two stents, despite being based on the same concept, have a different design: stent A presents a proximal tapering shape specially designed to reduce migration, while stent B does not. Both of them are enlarged at their distal extremity and present variable radial force the length of the stent itself, the said force becoming very high in the intermediate segment. Stents were implanted in the internal jugular vein of a sheep, showing optimal deliverability. The completion venography showed the migration of stent B into the right atrium. Stent A maintained its location, confirmed by intravascular ultrasound examination. No scaffolding effect was detected and an adequate adherence and adaptability to the vein wall was obtained. In conclusions, the stent A design matches the characteristics required by vein implants. Stability is achieved even where difficult anatomical conditions apply, such as in the jugular vein. Deployment is easy and precise in a given landing zone. Radial resistive force is very high, as required in specific vein districts, but is also associated with good flexibility. Following this preliminary acute report, further studies are required.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…