Passa ai contenuti principali

Cannabis, in Veneto sarà distribuita in pochi ospedali e, per ora, solo ai malati di sclerosi multipla


marijuana piante cannabis terapeutica

Articolo di Alice Bianco

Approvata la liberalizzazione della Cannabis da usare come medicinale per alcune patologie gravi: ora la Commissione regionale della Sanità è al lavoro per decidere quali pazienti potranno usufruirne.
La Regione Veneto era stata tra le prime nel nostro Paese a presentare una legge sull’argomento (2013), criticata riguardo alla fase di preparazione, che sarebbe dovuta avvenire all’interno di un laboratorio farmaceutico specifico, di Rovigo.
Quel che è certo però, è che sarà proprio la Commissione regionale della Sanità, a decidere a chi erogarla. Per ora sembra essere già uscito un medicinale con all’interno proprio la Cannabis, usato per alleviare la spasticità che colpisce i malati affetti da sclerosi multipla, ma potrebbe essere esteso a pazienti con altre patologie.
L’uso della marijuana medicinale dovrà sempre avvenire su richiesta di un medico specialista (neurologo o altro) e potranno probabilmente beneficiarne, oltre ai malati di sclerosi, anche chi soffre di dolori neuropatici, i pazienti ormai in fase terminale e i pazienti affetti da Hiv. Tutto questo però, non prima di aprile.
La legge approvata dal Governo, proposta dalle Regione Abruzzo, prevede inoltre che i ‘’medicinali cannabinoidi possano essere prescritti, a carico del Sistema sanitario regionale e anche dai medici di medicina generale, ma solo sulla base di un piano terapeutico deciso dal medico specialista’’.


Approved the liberalization of cannabis as a medicine to be used for some serious diseases , now the Regional Commission of Health is working to decide which patients will benefit from it .

The Veneto Region was among the first in our country to introduce a law on the subject (2013), criticized with regard to the preparation stage , which was to take place within a specific pharmaceutical laboratory , Rovigo .

What is certain though, is that it will be the Regional Health Commission , to decide who supply it . For now it seems to be already out with a medicine within their own cannabis , used to relieve spasticity that affects patients with multiple sclerosis , but could be extended to patients with other diseases.

The use of medicinal marijuana must always be carried out at the request of a medical specialist ( neurologist or other) and will probably benefit from it, as well as sclerosis , even those who suffer from neuropathic pain , patients now and in the terminal stage patients with HIV . All this, however , not April 1 .

The law passed by the government, proposed by the Abruzzo Region, also provides that '' cannabinoid medicines can be prescribed at the expense of the regional health system and also by general practitioners , but only on the basis of a treatment plan decided by the medical practitioner ' ' .

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…