Passa ai contenuti principali

Stamina, il Tar del Lazio accoglie il ricorso di Vannoni sulla nomina degli esperti che hanno bocciato la sperimentazione

Articolo del 4 dicembre 2013 preso da www.osservatoriomalattierare.it




Lorenzin: “presto un nuovo comitato scientifico”

Il Tar del Lazio ha dato ragione a Davide Vannoni, presidente della Stamina Foundation. Ha infatti sospeso il decreto di nomina della commissione scelta dal Ministero della Salute, che ha dato parere negativo sull’avvio della sperimentazione sul “metodo Stamina”. Gli esperti secondo Vannoni ‘non erano imparziali’, il ricorso è stato accolto e l’udienza di merito è stata fissata per l’11 giugno.
Il Tar in ogni caso riconosce la «giusta preoccupazione del Ministero della Salute e della comunità scientifica che non siano autorizzate procedure che creino solo illusioni di guarigione». Preoccupazione - prosegue - che può essere però superata «con un’istruttoria a tal punto approfondita in tutti i suoi aspetti da non lasciar più margini di dubbio». Secondo i giudici, è necessario che ai lavori del comitato scientifico che deve valutare l’opportunità di avviare una sperimentazione (per la quale erano stati stanziati tre milioni di euro) «partecipino esperti, eventualmente anche stranieri, che sulla questione non hanno già preso posizione o, se ciò non è possibile, che siano chiamati in seno al comitato, in pari misura, anche coloro che si sono espressi in favore del metodo».

La risposta del Ministro Beatrice Lorenzi è stata immediata: nominerà quanto prima un nuovo comitato di esperti, a composizione internazionale.

Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, ha commentato, con amarezza, l’ordinanza del Tar: "In un Paese che cade a pezzi non mi stupisce che non siano bastati i segnali degli esperti internazionali e che il lavoro del comitato non abbia fatto chiarezza o non sia stato comunicato in modo chiaro. Ben venga dunque il nuovo comitato internazionale, che garantirà trasparenza e potrà dare spessore alle conclusioni del vecchio e mal composto comitato."
Duro anche il commento di Silvio Garattini, direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, secondo cui "la stragrande maggioranza degli esperti nel settore è contraria al metodo Stamina perché pensa che queste cellule non hanno una base scientifica". Dunque, "sarà difficile formare un nuovo comitato con persone competenti che non abbiano già espresso un parere contrario".


"In un Paese civile il ministro della Salute, di fronte a tutto questo, si sarebbe già dimesso. Vedremo cosa ci verrà proposto, ci aspettiamo a questo punto dialogo e non un sistema arrogante come è stato finora". Queste le prime parole del presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, che apprende dall'Adnkronos Salute la notizia della bocciatura, da parte del Tar del Lazio, del comitato scientifico nominato dal ministro della Salute che ha giudicato il metodo di cura a base di cellule staminali, dicendo no alla sperimentazione clinica.


The Lazio Regional Administrative Court ruled in favor of David Vannoni , president of Bunting Foundation. He suspended the decree of appointment of the committee chosen by the Ministry of Health , which gave a negative opinion on the opening of the trial on the " method Stamina ." Experts according Vannoni ' were not impartial ' , the appeal was upheld and the hearing on the merits has been scheduled for June 11.
The Tar anyway recognizes the "right concern of the Ministry of Health and the scientific community who are not authorized procedures that create illusions of healing ." Concern - he continues - that can be overcome , however, " an investigation with so much depth in all its aspects as to leave no more room for doubt ." According to the judges , it is necessary that the work of the Scientific Committee which is to assess the opportunity to start a trial ( for which they were allocated three million euro ) " participating experts , possibly foreign , that on the issue have not already taken a position or , if this is not possible , they are called in the committee , in equal measure , even those who have spoken out in favor of the method . "

The response of the Minister Beatrice Lorenzi was immediate : as soon appoint a new committee of experts to international dialing .

Bruno Dallapiccola , scientific director of Children's Hospital Bambino Gesù in Rome , said , with bitterness, the order of the Tar: " In a country that is falling apart I'm not surprised that there are enough signals of international experts and that the work the committee has not made clear or has not been communicated clearly. then Ben is the new international committee , which will ensure transparency and will give depth to the findings of the committee composed of old and ill . "
Duro also the comment by Silvio Garattini, director of the Mario Negri Institute in Milan , according to which " the vast majority of experts in the industry is opposed to the method Stamina because he thinks that these cells do not have a scientific basis ." Therefore , "it will be difficult to form a new committee with competent people who have not already expressed a contrary opinion ."


"In a civilized country the Minister of Health, in the face of all this, you would have already resigned.'ll See what will be proposed, we expect at this point and not a dialogue system arrogant as it was before." These are the first words of the president of Stamina Foundation, Davide Vannoni Health dall'Adnkronos learning the news of the rejection by the TAR of Lazio, the scientific committee appointed by the Minister of Health has judged that the method of treatment based on cells stem, saying no to clinical trials.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…