Passa ai contenuti principali

Danno endoteliale venoso nelle malattie del sistema nervoso centrale

Il ruolo del sistema venoso nella patogenesi di malattie neurologiche infiammatorie / neurodegenerative rimane in gran parte sconosciuto e underinvestigated . Oltre a infarti cerebrali venosi , eventi tromboembolici e sanguinamento cerebrovascolare , varie malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale ( SNC ) , come la sclerosi multipla (SM) , encefalomielite acuta disseminata ( ADEM ) e neurite ottica , sembrano essere associate ad una disfunzione vascolare venosa , e il segno distintivo di queste malattie neuropatologiche è un perivenosa , anziché arteriosa , lesione.
Queste scoperte sollevano questioni fondamentali circa la natura di queste malattie , come ad esempio i motivi per cui loro lesioni patognomoniche non si sviluppano intorno alle arterie e che cosa esattamente sono i ruoli di infiammazione venosa cerebrale nella loro patogenesi . Oltre a questa visione basata sull'infiammazione, una nuova ipotesi con maggiore attenzione sulle caratteristiche emodinamiche del sistema venoso cerebrale e extracerebrale suggerisce che la fisiopatologia della SM potrebbe essere associata con il sistema venoso che drena il SNC. Tale ipotesi , se dimostrata corretta , apre nuove finestre terapeutiche nella sclerosi multipla e altre malattie neuroinfiammatorie . Qui vi presentiamo una rassegna completa della fisiopatologia della SM , ADEM , pseudotumor cerebri , e neurite ottica , con particolare attenzione per il ruolo di programmazione del sistema venoso vascolare e disfunzioni nella loro patogenesi . Noi consideriamo le differenze fondamentali tra arterioso e venoso endotelio , le loro risposte dissimili per l'infiammazione , e le potenziali contributi teorici di insufficienza venosa nella patogenesi delle malattie neurovascolari .

QUI i dettagli






The role of the venous system in the pathogenesis of inflammatory neurological/neurodegenerative diseases remains largely unknown and underinvestigated. Aside from cerebral venous infarcts, thromboembolic events, and cerebrovascular bleeding, several inflammatory central nervous system (CNS) diseases, such as multiple sclerosis (MS), acute disseminated encephalomyelitis (ADEM), and optic neuritis, appear to be associated with venous vascular dysfunction, and the neuropathologic hallmark of these diseases is a perivenous, rather than arterial, lesion. Such findings raise fundamental questions about the nature of these diseases, such as the reasons why their pathognomonic lesions do not develop around the arteries and what exactly are the roles of cerebral venous inflammation in their pathogenesis. Apart from this inflammatory-based view, a new hypothesis with more focus on the hemodynamic features of the cerebral and extracerebral venous system suggests that MS pathophysiology might be associated with the venous system that drains the CNS. Such a hypothesis, if proven correct, opens new therapeutic windows in MS and other neuroinflammatory diseases. Here, we present a comprehensive review of the pathophysiology of MS, ADEM, pseudotumor cerebri, and optic neuritis, with an emphasis on the roles of venous vascular system programming and dysfunction in their pathogenesis. We consider the fundamental differences between arterial and venous endothelium, their dissimilar responses to inflammation, and the potential theoretical contributions of venous insufficiency in the pathogenesis of neurovascular diseases.


Here are the details 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…