Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla. metodo Zamboni,nuovi test

Articolo del 25 ottobre 2013 preso da http://it.paperblog.com/sclerosi-multipla-metodo-zamboni-nuovi-test-2026554/



Dopo la querelle di Copenaghen nuove prospettive per la scoperta dello studioso ferrarese
Se ne occuperanno le agenzie spaziali Ue e italiana nel progetto KosmoMed

La Medicina è una Scienza e, come tutte le Scienze, non è mai perfetta. Anche l’anatomia umana dovrebbe essere sempre perfetta ma purtroppo, come il mondo e la vita quotidiana che ci circonda dimostrano, esistono anche “le anomalie”.

Alcune di queste anomalie sono determinate da cause più conosciute di altre e come tali lo sono anche le loro cure. In altre patologie, invece, cercare altri nuovi possibili rimedi significa “remare contro”, cantare fuori dal coro, scontrarsi con delle realtà che potrebbero essere “scomode”.

In mezzo agli scontri scientifici, sta un altro Mondo che è quello dei pazienti e delle loro famiglie che ambiscono a una vita migliore, più “normale”. La Scienza dovrebbe muoversi in questa direzione, non dovrebbe vincere chi grida più forte, bensì chi cura di più.

La Sclerosi Multipla (SM) colpisce circa 65.000 persone in Italia, qualche milione in tutto il mondo ed i numeri stanno aumentando di anno in anno anche per le migliorate capacità diagnostiche, ma è pur sempre considerata una malattia rara. Ci sono altre malattie rare per le quali non si fa tanto clamore e allora, perché così tanta acredine proprio per la SM?

Paolo Zamboni dell’Università di Ferrara sostiene che leanomalie frequentemente presenti nei malati di SM sono riscontrabili a livello del ritorno venoso cerebrale e midollare e da qui l’ormai nota “Insufficienza Venosa Cerebrale”, meglio nota con l’acronimo di CCSVI. Negli ultimi tre anni si è scatenata una vera querelle tra i sostenitori ed i contrari a questa “Teoria Zamboni”. L’ultimo capitolo si è consumato recentemente in Danimarca come riportato più avanti. La mia esperienza personale come specialista in chirurgia vascolare e diagnostico vascolare da oltre 30 anni, è stata pubblicata su Acta Phlebologica già un anno fa, riportando lo studio ecoDoppler su 823 Pazienti affetti da SM. Qui è stata riscontrata la presenza di anomalie del ritorno venoso cerebrale e midollare nel 90% dei casi, casualmente combaciando poi con le flebografie, contro un 5% di anomalie in 60 pazienti sani di controllo. La mia attenzione attuale è rivolta al gruppo di controllo dei pazienti trattati, solitamente mediante angioplastica delle anomalie venose, con una raccolta dati che è suddivisa in base alla gravità della malattia ed al tempo trascorso dalla procedura (3-30 mesi), nonché sulla regressione della sintomatologia riferita dai pazienti riguardo a svariati disturbi ed ai loro cambiamenti. I pazienti sono molto collaboranti, consapevoli del fatto che i dati sono raccolti con finalità statistica in totale assenza di conflitti d’interesse.

Il Congresso Europeo sul trattamento e cura della Sclerosi Multipla (ECTRIMS) è un appuntamento fisso che si svolge a Copenaghen e che puntualmente riapre, ogni anno, la querelle sulla scoperta scientifica fatta dal professore Paolo Zamboni, che sostiene una correlazione tra la CCSVI e alcune importanti patologie neurologiche, tra cui la sclerosi multipla. L’Insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI), scoperta da Zamboni, rappresenterebbe, secondo lo scienziato di Ferrara, la concausa di diverse patologie neurologiche tra cui la sclerosi multipla. Quest’anno la notizia uscita dall’ECTRIMS, e sbandierata dalla stampa, è stata quella della bocciatura dell’ormai conosciuto “metodo Zamboni”, da parte di ben 4 studi, 3 canadesi ed uno italiano, che hanno dichiarato l’assenza di legame tra la malattia, e l’insufficienza cerebrospinale venosa. Altra notizia però, è quella degli altri 14 studi che invece hanno dimostrato la significativa correlazione della presenza di SM quando viene rilevata la CCSVI. Questa notizia, chissà perché non è stata data! Evidentemente è sempre una questione di chi grida più forte e ha i mezzi per farlo. Per chi non è malato oppure, per coloro che pur se medici non hanno fra i loro interessi primari lo studio del ritorno venoso cerebrale, tutto questo può sembrare una semplice guerra di numeri, oppure un tirare la coperta da una parte piuttosto che dall’altra, certo è che questo accade lasciando nella confusione i malati, e nella delusione chi crede nella ricerca e continua a farla inseguendo il sogno di guarigione, di molti.

I fatti però parlano più delle parole, e i fatti dicono che le diagnosi con ecoDoppler, che peraltro richiede un livello di preparazione ed esperienza particolare, sono oggetto delle 4 bocciature riportate dal Corsera. Mentre, quando l’approccio diagnostico è fatto mediante flebografia con catetere, mediamente l’Insufficienza venosa cronica cerebrospinale si riscontra in almeno il 90% dei casi di sclerosi multipla. Tale dato è comprovato da 12 studi internazionali eseguiti in 8 diversi Paesi. Si ha per questo l’impressione che la controversia sulla CCSVI sia divenuto una sorta di luogo comune, servito solo al bisogno per oscurare, seppur maldestramente, i continui contributi che emergono dalla letteratura. E la conferma di questo sembra darcela proprio quanto è accaduto in questi giorni a Copenaghen, quando è stata lanciata alla stampa la bocciatura del metodo Zamboni. In realtà, la maggior parte degli studi confermano la prevalenza dell’ insufficienza venosa cronica cerebro spinale nella sclerosi multipla, e sono disponibili ben tre meta analisi sull’ argomento: Laupacis, Cmaj 2011; Tsivgoulis Ther Adv Neur Dis 2013; Brittany Vasc Endovasc Surg 2013. Queste meta-analisi avvalorano la significativa prevalenza di CCSVI nella SM. Solo 6, su 19 degli studi comparabili negano l’associazione tra CCSVI e sclerosi multipla. Ma mentre le prime due meta-analisi hanno mostrato eterogeneità tra gli studi, la terza con una analisi più restrittiva ha chiaramente dimostrato un significativo doppio rischio di presenza di SM, quando viene rilevata la CCSVI, senza alcuna eterogeneità. Ora anche l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) hanno deciso di supportare con la loro tecnologia il metodo Zamboni e lo fanno all’interno del progetto KosmoMed. Grazie a KosmoMed si validerà infatti, una nuova strumentazione che sarà in grado di indagare la CCSVI in maniera specifica. Tale validazione avrà anche il supporto di una serie di studi che la nostra astronauta, Samantha Cristofaretti, porterà avanti nello Spazio.

La discussione continua, i malati sperano, la malattia non aspetta. La logica vorrebbe che le forze si unissero con l’unico scopo di migliorare la tanto auspicata Quality Of Life, la qualità della vita e di curare sempre più efficacemente. Non vince chi grida più forte, anche perché i malati di sclerosi multipla spesso hanno il fiato corto.

Pietro Maria Bavera

Specialista Chirurgo Vascolare

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…