Passa ai contenuti principali

La Myelin Repair Foundation annuncia il conseguimento del trial di fase 1 di riparazione della mielina

Articolo del 15 giugno 2012:


La Myelin Repair Foundation (MRF) ha annunciato oggi il raggiungimento di riparazione della mielina con il trial clinico per la sclerosi multipla prima dell'obiettivo della fondazione fissato per il 2014. Stabilendo il suo Modello di Accelerated Research (ARC)  per far avanzare i trattamenti di riparazione della mielina in avanti nella sperimentazione clinica di Fase 1, entro un decennio, la Myelin Repair Foundation ha raggiunto questo importante traguardo prima del suo obiettivo, confermando l'efficacia del modello ARC per accelerare lo sviluppo di farmaci.

Questo trial clinico di fase 1 condotto presso la  Cleveland Clinic esaminerà l'efficacia di un nuovo percorso di riparazione della mielina terapeutica con cellule staminali mesenchimali (MSC), basato su una ricerca condotta da MRF, supportato dal Principal Investigator del MRF, Dottor Robert Miller, professore di Neuroscienze e Vice Presidente del  Research & Technology Management presso la Case Western Reserve University. Ad oggi, la metà dei 24 pazienti previsti per questa prova iniziale sono stati arruolati.

"Gli scienziati sperano che un giorno le loro ricerche raggiungeranno gli studi clinici, ed io sono entusiasta di raggiungere questa pietra miliare nella mia carriera", ha detto il Dott. Robert Miller. "Senza il supporto della MRF il finanziamento di una componente fondamentale della nostra ricerca che è alla base di questo studio, questo risultato non sarebbe stato possibile. La nostra partnership con la Fondazione ha contribuito a individuare nuove vie per il trattamento di malattia che inverte i danni, in ultima analisi, realizzando così molto di più che la soppressione dei sintomi della SM. "

Finanziato dalla Fondazione, il team di scienziati del Dott. Miller ha individuato un percorso clinico innovativo attraverso i segnali di cellule staminali mesenchimali, che non solo proteggono la mielina, che è danneggiata dalla reazione autoimmune in SM, ma facilita anche la riparazione della mielina. Attuali farmaci per sclerosi multipla sul mercato si concentrano solo sulla soppressione del sistema immunitario per proteggere la mielina da eventuali danni futuri, i pazienti non hanno opzioni di trattamento disponibili per la riparazione della mielina, una volta che il danno si verifica in sclerosi multipla.

"Il nostro obiettivo di sostenere la ricerca che entrerà in Fase 1 dei test nell'arco di un decennio è stato ritenuto quasi impossibile", ha dichiarato Scott Johnson, presidente e Chief Executive Officer della MyelinRepair Foundation. "E pensare che abbiamo raggiunto questo ambizioso obiettivo, anche prima di quanto avevamo programmato, e ciò illustra l'efficacia del nostro modello di ricerca innovativo che accelera promettenti scoperte scientifiche in sperimentazioni cliniche. Anche con questo successo, ci rifiutiamo di riposare sugli allori e continueremo a progredire nella ricerca della mielina attraverso diversi studi clinici.Rimaniamo concentrati sul nostro unico obiettivo:...per accelerare lo sviluppo di un efficace trattamento di riparazione della mielina per raggiungere i pazienti con sclerosi multipla "

Fonte: http://www.news-medical.net/news/20120615/MRF-announces-achievement-of-myelin-repair-Phase-1-trial-for-MS.aspx


The  Myelin Repair Foundation (MRF) today announced the achievement of a myelin repair Phase 1 clinical trial for multiple sclerosis earlier than the foundation's goal set for 2014. By establishing its Accelerated Research Collaboration (ARC) Model to advance myelin repair treatments forward into clinical trial Phase 1 within a decade, the Myelin Repair Foundation achieved this critical milestone ahead of its goal, validating the efficiency of the ARC model to speed drug development.    
This Phase 1 clinical trial conducted at Cleveland Clinic will examine the efficacy of a new myelin repair therapeutic pathway with mesenchymal stem cells (MSCs), based on MRF supported research conducted by MRF Principal Investigator Dr. Robert Miller, Professor of Neurosciences and Vice President for Research & Technology Management at Case Western Reserve University. To date, half of the 24 patients planned for this initial trial have been enrolled.
"Scientists hope that one day their research will reach clinical trials, and I'm thrilled to achieve this milestone in my career," said Dr. Robert Miller. "Without the support of  Myelin  Repair Foundation funding a critical component of our research that is the basis of this trial, this achievement would not have been possible. Our partnership with the Myelin Repair Foundation has helped identify new pathways to treat disease that reverses damage, ultimately accomplishing so much more than the suppression of MS symptoms."
Funded by the  Myelin Repair Foundation, Dr. Miller's team of scientists identified an innovative clinical pathway through mesenchymal stem cells signals that not only protect myelin, which is damaged by the autoimmune reaction in MS, but also facilitates myelin repair. Current MS drugs on the market only focus on the suppression of the immune system to protect myelin from future damage; patients have no treatment options available to repair myelin once damage occurs in MS.
"Our goal to support research that would enter Phase 1 trials within a decade was deemed nearly impossible," said Scott Johnson, president and CEO of the Myelin Repair Foundation. "To think we achieved this ambitious goal even earlier than we planned illustrates the effectiveness of our innovative research model that accelerates promising scientific discoveries into clinical trials. Even with this success, we refuse to rest on our laurels and will continue to progress myelin research into multiple clinical trials. We remain focused on our singular goal: To speed the development of an effective myelin repair treatment to reach patients with multiple sclerosis."



Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…