Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla: presentati all'AAN i nuovi dati sul TYSABRI



Vi riporto tutto l'articolo del 27 aprile 2012:



- I risultati preliminari dello studio clinico TYNERGY misurano l'effetto del TYSABRI sulla stanchezza causata da sclerosi multipla (SM); i dati dello studio osservazionale TOP ne valutano la sicurezza e l'efficacia a lungo termine in ambito clinico –

-- Aggiornato il primo algoritmo di stratificazione dei rischi basato su un biomarcatore di sicurezza per decisioni informate relative al trattamento della SM--


Biogen Idec (NASDAQ: BIIB) ed Elan Corporation, plc (NYSE: ELN) hanno oggi annunciato i risultati di diversi studi clinici sul TYSABRI® (natalizumab) per la valutazione della sua sicurezza ed efficacia a lungo termine nel trattamento della sclerosi multipla (SM) per tutto il corso della malattia e dell'effetto del ritrovato sui sintomi correlati alla SM, come l'affaticamento. Questi dati, oltre a quelli generati dall'algoritmo sulla stratificazione dei rischi creato dall'azienda come ausilio per la valutazione personalizzata di rischi e benefici per i pazienti affetti da SM, sono stati accettati per la presentazione alla 64esima edizione del meeting annuale dell'American Academy of Neurology (AAN).

"Proseguiamo nello sfruttamento dei completi dati di cui disponiamo sul TYSABRI e ci impegniamo nello studio del suo utilizzo a lungo termine e del potenziale effetto sui sintomi come l'affaticamento, contro cui i pazienti di SM lottano ogni giorno", è stata la dichiarazione di Douglas E. Williams, Ph.D., vicepresidente esecutivo della divisione ricerca e sviluppo di Biogen Idec. Ha aggiunto inoltre: "Obiettivo della nostra ricerca è scoprire altri modi in cui il TYSABRI può aiutare medici e pazienti a gestire al meglio i sintomi della SM e a scegliere i trattamenti in maniera informata e mirata".

Studio osservazionale a lungo termine sul TYSABRI

I risultati iniziali forniti dal programma di osservazione TOP (TYSABRI Observational Program) indicano che il tasso annuale di recidive (ARR) superiore ai livelli baseline dopo 4 anni per i pazienti sottoposti a terapia con TYSABRI è sceso da 1,99 (baseline) a 0,28 (p<0,0001), mentre la disabilità, misurata in base alla scala EDSS (Expanded Disability Status Scale), è rimasta stabile nel tempo. TOP è uno studio clinico osservazionale multicentrico aperto in corso di svolgimento per la valutazione dei risultati a lungo termine nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente in Europa, Australia e Canada. Per TOP saranno reclutati oltre 4.500 pazienti che verranno monitorati per 10 anni.

Il tipo di trattamento seguito prima della terapia TYSABRI non ha avuto effetto né sulla riduzione dell'ARR né sulla stabilizzazione dei valori della scala EDSS. L'ARR, tuttavia, si è rivelato inferiore nei pazienti non esposti a terapie immunosoppressive (IS) e più elevato nei pazienti sottoposti a tali terapie (p<0,0001).

L'incidenza e il tipo degli eventi avversi gravi rilevati in questi pazienti dopo l'utilizzo prolungato erano in linea con il profilo di sicurezza noto per il TYSABRI. Per tutta la durata del trattamento con TYSABRI non si sono evidenziate differenze significative rispetto alla baseline né nell'incidenza degli eventi avversi gravi, anche causati da infezioni, né delle leucoencefalopatie multifocali progressive (PML, Progressive multifocal leukoencephalopathy); tuttavia è stata rilevata una tendenza alla maggior incidenza delle PML nei pazienti già trattati con immunosoppressori.

"Lo studio TOP può aiutarci a ottenere informazioni approfondite sul potenziale impatto che il trattamento attuale potrebbe avere sull'efficacia e sulla sicurezza a lungo termine del TYSABRI", ha commentato il Professor Ludwig Kappos, MD, direttore del dipartimento di neurologia, responsabile del gruppo di ricerca in neuroimmunologia clinica e neurobiologia del dipartimento di biomedicina della Clinica Universitaria di Basilea, in Svizzera. "Dopo 4 anni di trattamento, sono stati confermati i risultati ottenuti in termini di riduzione delle recidive nella sclerosi multipla e di stabilità nella progressione della disabilità osservate con il TYSABRI nello studio clinico TOP nei pazienti non esposti e precedentemente già esposti a trattamenti".

Iniziative relative alla stratificazione del rischio

Biogen Idec ed Elan hanno sviluppato un algoritmo quantitativo di stratificazione del rischio che consente a medici e pazienti affetti da sclerosi multipla di valutare con maggiore fiducia le decisioni relative all'utilizzo del TYSABRI. L'algoritmo offre a medici e pazienti una guida sui vari gradi di rischio di sviluppo di PML associato al trattamento con il TYSABRI. Le variabili che influiscono sul rischio di sviluppare PML sono lo status relativo agli anticorpi anti-JCV, il precedente utilizzo di farmaci immunosoppressori e la durata del trattamento con il TYSABRI.

"Siamo lieti di poter offrire ai malati di SM e ai medici un approccio per la valutazione dei potenziali rischi-benefici derivanti dall'uso del TYSABRI", è stato il commento di Ted Yednock, vicepresidente esecutivo e responsabile della ricerca globale di Elan. "L'inclusione dello status degli anticorpi anti-JCV nell'etichetta del TYSABRI come uno dei fattori di rischio per lo sviluppo di PML rappresenta un progresso significativo, così come la disponibilità di STRATIFY JCV™ per gli esami ematologici. L'uso di questo approccio per la stratificazione del rischio è supportata dai dati presentati al meeting dell'AAN".

Il rischio di sviluppo di PML è stato quantificato tramite la valutazione di oltre 92.000 malati di SM da parte di fonti e studi clinici in seguito alla commercializzazione del TYSABRI; per tutto il mese di settembre 2011 si sono verificati 159 casi di PML tra la popolazione di pazienti e i dati hanno dimostrato che il rischio di contrarre PML era più contenuto nei pazienti negativi agli anticorpi anti-JCV (nessun caso di PML nei pazienti negativi agli anticorpi anti-JCV; con l'inclusione di un ipotetico caso negativo agli anticorpi anti-JCV, il rischio è di ?0,10 casi per 1.000 pazienti trattati). Il rischio di sviluppo di PML era più elevato nei pazienti che presentavano tutti e 3 i fattori di rischio: positività agli anticorpi anti-JCV; precedente utilizzo di immunosoppressori e trattamento per 25-48 mesi con il TYSABRI (10,6 casi ogni 1.000 pazienti trattati). L'utilizzo dello status degli anticorpi anti-JCV in questo algoritmo rappresenta il primo caso in cui è stato utilizzato un biomarcatore di sicurezza per la stratificazione del rischio per formulare decisioni informate sul trattamento della SM; questi dati saranno, inoltre, aggiornati durante la presentazione in occasione del meeting dell'AAN.

STRATIFY-2 è uno studio clinico separato e longitudinale di osservazione, in corso di svolgimento negli Stati Uniti, basato sul più ampio set di dati fino a oggi disponibile avente come obiettivo l'analisi della sieroprevalenza degli anticorpi anti-JCV nei malati di SM. I risultati della baseline relativi ai test effettuati sugli anticorpi anti-JCV su oltre 35.000 pazienti affetti da sclerosi multipla e che venivano trattati con il TYSABRI, o che stavano valutando questo trattamento, ha mostrato che la prevalenza globale degli anticorpi anti-JCV era del 53,5% (intervallo di confidenza del 95% [CI]: 53,0%–54,0%), in linea con la prevalenza di anticorpi anti-JCV osservata nei pazienti affetti da SM in altri studi clinici. I risultati ad interim di STRATIFY-2 dimostrano in modo prospettivo che l'incidenza di PML nei pazienti negativi agli anticorpi anti-JCV e trattati con TYSABRI era significativamente più bassa rispetto ai pazienti positivi agli anticorpi anti-JCV (negativi agli anticorpi anti-JCV = 0, CI: 0–0,34; positivi agli anticorpi anti-JCV =1,02, CI: 0,53–1,78 [p=0,0004]). I dati finali dello studio clinico STRATIFY-2 determineranno ulteriormente il rischio di PML nei pazienti negativi e in quelli positivi agli anticorpi anti-JCV.

Impatto del TYSABRI sull'affaticamento causato da SM

I primi risultati ottenuti dallo studio clinico TYNERGY ("Effects of TYSABRI Over 12 Months on MS Related Fatigue in Patients with RRMS", effetti del TYSABRI nell'arco di 12 mesi sull'affaticamento correlato alla SM nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente) mostrano che il trattamento con il TYSABRI era associato a un miglioramento nell'affaticamento correlato alla SM. TYNERGY è uno studio clinico multicentrico di follow-up, della durata di 12 mesi, eseguito per valutare l'effetto del TYSABRI sull'affaticamento correlato alla SM nei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente. L'affaticamento è considerato il sintomo più diffuso della SM e colpisce il 75%-95% dei pazienti. Il 50%-60% dei pazienti affetti da questa malattia, inoltre, considera l'affaticamento come uno dei sintomi più disabilitanti, in grado di contribuire alle difficoltà cognitive e fisiche.

Nel corso dello studio clinico i ricercatori hanno misurato l'affaticamento correlato a SM in una fase iniziale (mese 0) e finale (12esimo mese) secondo la scala FSMC (Fatigue Scale for Motor and Cognitive Functions). I risultati indicano che il trattamento con il TYSABRI ha influito sullo stato di affaticamento dei pazienti affetti da sclerosi multipla recidivante-remittente, come dimostrato dalla riduzione media del valore FSMC di 9,0 punti (p<0,0001), con un passaggio da affaticamento grave a moderato. I componenti comportamentali e cognitivi della scala FSMC hanno mostrato miglioramenti simili (p<0,0001). I ricercatori hanno sottolineato che si tratta di primi risultati promettenti che richiedono tuttavia un'ulteriore convalida.

I dati presentati nel presente comunicato stampa sono illustrati nei seguenti poster e nelle presentazioni della piattaforma in occasione del meeting annuale dell'AAN:
Long-Term Safety and Efficacy and Association between Baseline Treatment History and Postbaseline Relapses in Multiple Sclerosis Patients Treated with Natalizumab in the TYSABRI Observational Program (TOP) (P04.134) presentato mercoledì 25 aprile 2012
Updated Incidence of Progressive Multifocal Leukoencephalopathy in Natalizumab-Treated Multiple Sclerosis Patients Stratified by Established Risk Factors (S41.001) –presentato dal Dr. Gary Bloomgren, giovedì 26 aprile 2012 dalle ore 13:00 alle 13:15 (CDT)
Anti-JCV Antibody Prevalence in Patients with Relapsing Multiple Sclerosis Receiving or Considering Treatment with Natalizumab: Baseline Results of STRATIFY-2 (S41.002) – presentato dalla Dottoressa Sandra Richman, giovedì 26 aprile 2012 dalle ore 13:15 alle 13:30 (CDT)
Natalizumab Reduces Fatigue as Measured by the Fatigue Scale for Motor and Cognitive Functions (FSMC)—First Results from the TYNERGY trial (P07.081) – disponibile per la visualizzazione giovedì 26 aprile 2012 dalle ore 14:00 alle 18:30 (CDT)

È possibile reperire informazioni complete sulle sessioni e l'elenco di ulteriori presentazioni dei dati TYSABRI programmate per il 2012 AAN Annual Meeting sul sito web dell'AAN (www.aan.com/go/am12).

Informazioni sul TYSABRI

TYSABRI è stato approvato in più di 65 paesi. Negli Stati Uniti è stato approvato come monoterapia per le forme recidivanti di SM, in genere per quei pazienti nei quali la risposta a terapie alternative per la SM è stata inadeguata o che non tollerano tali terapie. Nell'Unione europea è stato approvato per sclerosi multipla recidivante-remittente (RRMS) altamente attiva in pazienti adulti che hanno mostrato una risposta inadeguata all'interferone beta o sono affetti da RRMS grave e in rapido peggioramento.

Il TYSABRI ha contribuito a progressi nel trattamento dei pazienti affetti da SM grazie alla sua efficacia scientificamente provata. I dati provenienti dallo studio AFFIRM di Fase 3, pubblicato sul New England Journal of Medicine, hanno mostrato che dopo due anni il trattamento a base di TYSABRI ha portato a una riduzione relativa del 68% (p<0,001) del tasso annualizzato di recidive rispetto al placebo e ha inoltre ridotto del 42-54% il rischio relativo di progressione della disabilità (p<0,001).

Il TYSABRI aumenta il rischio di leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML), un'infezione virale opportunistica del cervello che di solito causa decesso o grave invalidità. L'infezione con il virus JC (JCV) è necessaria perché si sviluppi la PML, i pazienti positivi agli anticorpi anti-JCV presentano quindi un rischio maggiore di sviluppare la PML. Alcuni fattori che aumentano il rischio di PML sono la presenza di anticorpi anti-JCV, l'uso antecedente di farmaci immunosoppressori e la maggiore durata del trattamento a base di TYSABRI. I pazienti aventi tutti e tre i fattori di rischio hanno una maggiore probabilità di sviluppare la PML. Altre gravi conseguenze che si sono verificate in pazienti trattati con TYSABRI comprendono reazioni di ipersensibilità (ad es. anafilassi) e infezioni, tra cui quelle opportunistiche e altre infezioni atipiche. Sono state riscontrate inoltre alterazioni clinicamente rilevanti della funzionalità del fegato nella fase post-commercializzazione. Un elenco degli eventi avversi è disponibile sulle etichette del TYSABRI per ogni paese in cui il farmaco è stato approvato.

Il TYSABRI è commercializzato e distribuito da Biogen Idec Inc. ed Elan Corporation, plc. Per informazioni esaustive sulla prescrizione e ulteriori informazioni su TYSABRI, visitare il sitowww.biogenidec.com oppure www.elan.com.

Informazioni su Biogen Idec

Grazie ai progressi scientifici, Biogen Idec scopre, sviluppa e offre a pazienti in tutto il mondo terapie innovative per il trattamento di malattie gravi nel campo della neurologia, immunologia ed emofilia. Fondata nel 1978, Biogen Idec è la pioniera tra le società biotecnologiche indipendenti a livello internazionale. I pazienti di tutto il mondo traggono vantaggio dalle sue molteplici terapie all'avanguardia contro la sclerosi multipla. La società genera più di 4 miliardi di dollari in profitti annuali. Per consultare l'etichettatura dei prodotti, i comunicati stampa e ulteriori informazioni sulla società, visitare il sito www.biogenidec.com.

Informazioni su Elan

Elan Corporation, plc è un'azienda biotecnologia focalizzata nel settore delle neuroscienze che opera per migliorare la vita dei pazienti e delle loro famiglie grazie all'attenzione posta alle innovazioni con cui arricchisce la scienza, per rispondere alle esigenze mediche sinora inevase che continuano a permanere in tutto il mondo. Elan è quotata alla borsa di New York e all'Irish Stock Exchanges. Per ulteriori informazioni su Elan visitare il sito www.elan.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.



Fonte: http://www.businesswire.com/news/home/20120427005922/it





New TYSABRI Data Presented at 64th Annual AAN Meeting Highlight Biogen Idec & Elan Commitment to Improving Outcomes in Multiple Sclerosis

-- Preliminary Results from TYNERGY Study Measure Impact of TYSABRI on MS-related Fatigue; Data from Observational TOP Study Evaluate Long-term Safety and Efficacy in Clinical Setting –

-- Updates to the First Risk Stratification Algorithm That Uses Safety Biomarker to Inform Treatment Decisions in MS --





WESTON, Mass. & DUBLIN--(BUSINESS WIRE)--Biogen Idec (NASDAQ: BIIB) and Elan Corporation, plc (NYSE: ELN) today announced findings from several studies of TYSABRI® (natalizumab) evaluating its long-term safety and efficacy in the treatment of multiple sclerosis (MS) across the course of disease and impact on MS-related symptoms such as fatigue. These data, as well as data relating to the companies’ risk stratification algorithm as a way to help enable individual benefit risk assessment for patients with MS, were accepted for presentation at the 64th Annual Meeting of the American Academy of Neurology (AAN).


“Our research is aimed at discovering additional ways TYSABRI can help physicians and patients best manage the symptoms of MS and make informed and personalized treatment choices.”

“We continue to build on the extensive data we have for TYSABRI and are committed to studying its long-term use and potential effect on symptoms like fatigue, which MS patients struggle with every day,” said Douglas E. Williams, Ph.D., executive vice president of Research and Development at Biogen Idec. “Our research is aimed at discovering additional ways TYSABRI can help physicians and patients best manage the symptoms of MS and make informed and personalized treatment choices.”

Long-Term Observational Study of TYSABRI

Initial results from the TYSABRI Observational Program (TOP) indicate that post-baseline annualized relapse rates (ARR) after four years for patients receiving TYSABRI therapy decreased from 1.99 at baseline to 0.28 (p<0.0001); disability, as measured by the Expanded Disability Status Scale (EDSS), remained stable over time. TOP is an ongoing open-label, multicenter, observational study designed to assess long-term outcomes in patients with relapsing-remitting MS (RRMS) in Europe, Australia, and Canada. TOP is expected to enroll more than 4,500 patients who will be followed for 10 years.

Neither reduction in ARR nor stabilization of a patient’s EDSS was affected by the type of treatment they were using before initiating TYSABRI therapy. However, ARR were lowest in immunosuppressant (IS) therapy-naïve patients and highest in patients who had used IS therapy (p<0.0001).

The incidence and type of serious adverse events (SAEs) seen in these patients after long-term use was consistent with TYSABRI’s known safety profile. There were no significant differences by baseline treatment history in the incidence of SAEs, infection-related SAEs, or progressive multifocal leukoencephalopathy (PML) during TYSABRI therapy, although there was a trend of higher incidence of PML in patients with prior IS use.

“TOP may help provide insight into the potential impact current treatment may have on long term efficacy and safety outcomes with TYSABRI,” said Professor Ludwig Kappos, MD, chair of Neurology, Research Group Leader Clinical Neuroimmunology and Neurobiology, Department of Biomedicine, University Hospital, Basel, Switzerland. “The reduction of MS relapse and stable disability progression that we observed with TYSABRI in the TOP study across naive and previously treated patients was sustained after four years of treatment.”

Risk-Stratification Initiatives

Biogen Idec and Elan developed a quantitative risk stratification algorithm to help physicians and people with MS have more confidence in their treatment decisions when considering TYSABRI. The algorithm provides guidance for physicians and patients about the varying degrees of PML risk associated with TYSABRI treatment. The variables impacting PML risk are: anti-JCV antibody status, prior IS use, and TYSABRI treatment duration.

“We are pleased to be able to offer MS patients and their physicians an approach for assessing the potential benefit-risk with TYSABRI,” said Ted Yednock, executive vice president and head of Global Research, Elan. “A significant advancement in this area is the inclusion of anti-JCV antibody status in the TYSABRI label as a risk factor for developing PML, as well as the commercial availability of the STRATIFY JCV™ blood test. Use of this approach for risk stratification is supported by data presented at AAN.”

PML risk was quantified by assessing more than 92,000 MS patients from TYSABRI post-marketing sources and clinical studies; through September 2011 there were 159 cases of PML among this patient population and data show PML risk was lowest in anti-JCV antibody negative patients (no PML cases occurred in anti-JCV antibody negative patients; with the inclusion of one hypothetical anti-JCV antibody negative case, the risk is ≤0.10 cases per 1,000 patients treated). PML risk was highest in patients with all three risk factors: anti-JCV antibody positive status; prior immunosuppressant use; and 25-48 months of TYSABRI treatment (10.6 cases per 1,000 patients treated). The use of anti-JCV antibody status in this algorithm marks the first time a safety biomarker for risk stratification has been used to inform treatment decisions in MS and these data will be updated during the AAN presentation.

A separate study, STRATIFY-2, an ongoing, longitudinal, observational U.S. study, is the largest data set to date to analyze anti-JCV antibody seroprevalence among MS patients. Baseline anti-JCV antibody testing results from more than 35,000 MS patients who were either receiving or considering treatment with TYSABRI showed that the overall prevalence of anti-JCV antibodies was 53.5 percent (95% confidence interval [CI]: 53.0%–54.0%), which is consistent with the prevalence of anti-JCV antibodies observed in MS patients in other clinical research. Interim results from STRATIFY-2 demonstrated prospectively that the PML incidence in TYSABRI-treated anti-JCV antibody negative patients was significantly lower than that in anti-JCV antibody positive patients (anti-JCV negative = 0, CI: 0–0.34; anti-JCV positive=1.02, CI: 0.53–1.78 [p=0.0004]). Final data from STRATIFY-2 will further characterize PML risk in anti-JCV antibody negative and positive patients.

TYSABRI Impact on MS-related Fatigue

Initial findings from the TYNERGY study (Effects of TYSABRI Over 12 Months on MS Related Fatigue in Patients with RRMS) show that TYSABRI treatment was associated with improved MS-related fatigue. TYNERGY was a multicenter, 12-month clinical follow-up study conducted to evaluate the effect of TYSABRI on MS-related fatigue in patients with RRMS. Fatigue is considered the most common symptom of MS, impacting 75-95 percent of patients. Further, 50-60 percent of MS patients report fatigue as one of their most disabling symptoms, which can contribute to cognitive and physical difficulties.

In the study, researchers measured MS-related fatigue at 0 and 12 months via the Fatigue Scale for Motor and Cognitive Functions (FSMC). Results indicate that treatment with TYSABRI impacted fatigue in patients with RRMS as evidenced by a median reduction of the FSMC score by 9.0 points (p<0.0001), which corresponds to an improvement from severe to moderate fatigue. Both the motor and the cognitive components of the FSMC showed similar improvement (p<0.0001). Researchers noted that these first results are promising but need further validation.

Data highlighted in this press release is featured in the following poster and platform presentations at the AAN annual meeting:
Long-Term Safety and Efficacy and Association between Baseline Treatment History and Postbaseline Relapses in Multiple Sclerosis Patients Treated with Natalizumab in the TYSABRI Observational Program (TOP) (P04.134) was presented on Wednesday, April 25, 2012
Updated Incidence of Progressive Multifocal Leukoencephalopathy in Natalizumab-Treated Multiple Sclerosis Patients Stratified by Established Risk Factors (S41.001)–presented by Dr. Gary Bloomgren on Thursday, April 26, 2012 from 1:00 to 1:15 p.m. CDT
Anti-JCV Antibody Prevalence in Patients with Relapsing Multiple Sclerosis Receiving or Considering Treatment with Natalizumab: Baseline Results of STRATIFY-2 (S41.002)– presented by Dr. Sandra Richman on Thursday, April 26, 2012 from 1:15 to 1:30 p.m. CDT
Natalizumab Reduces Fatigue as Measured by the Fatigue Scale for Motor and Cognitive Functions (FSMC)—First Results from the TYNERGY trial (P07.081) – available for viewing on Thursday, April 26, 2012 from 2:00 to 6:30 p.m. CDT

Full session details and additional TYSABRI data presentation listings for the 2012 AAN Annual Meeting can be found through the AAN website (www.aan.com/go/am12).

About TYSABRI

TYSABRI is approved in more than 65 countries. TYSABRI is approved in the United States as a monotherapy for relapsing forms of MS, generally for patients who have had an inadequate response to, or are unable to tolerate, an alternative MS therapy. In the European Union, it is approved for highly active relapsing-remitting MS (RRMS) in adult patients who have failed to respond to beta interferon or have rapidly evolving, severe RRMS.

TYSABRI has advanced the treatment of MS patients with its established efficacy. Data from the Phase 3 AFFIRM trial, which was published in the New England Journal of Medicine, showed that after two years, TYSABRI treatment led to a 68 percent relative reduction (p<0.001) in the annualized relapse rate when compared with placebo and reduced the relative risk of disability progression by 42-54 percent (p<0.001).

TYSABRI increases the risk of progressive multifocal leukoencephalopathy (PML), an opportunistic viral infection of the brain, which usually leads to death or severe disability. Infection by the JC virus (JCV) is required for the development of PML and patients who are anti-JCV antibody positive have a higher risk of developing PML. Factors that increase the risk of PML are presence of anti-JCV antibodies, prior immunosuppressant use, and longer TYSABRI treatment duration. Patients who have all three risk factors have the highest risk of developing PML. Other serious adverse events that have occurred in TYSABRI-treated patients include hypersensitivity reactions (e.g., anaphylaxis) and infections, including opportunistic and other atypical infections. Clinically significant liver injury has also been reported in the post-marketing setting. A list of adverse events can be found in the full TYSABRI product labeling for each country where it is approved.

TYSABRI is marketed and distributed by Biogen Idec Inc. and Elan Corporation, plc. For full prescribing information, including boxed warning and important safety information, and more information about TYSABRI, please visit www.biogenidec.com or www.elan.com.

About Biogen Idec

Biogen Idec uses cutting-edge science to discover, develop, manufacture and market therapies for serious diseases with a focus on neurology, immunology and hemophilia. Founded in 1978, Biogen Idec is the world's oldest independent biotechnology company. Patients worldwide benefit from its leading multiple sclerosis therapies and the company generates more than $4 billion in annual revenues. For product labeling, press releases and additional information about the company, please visit www.biogenidec.com.

About Elan

Elan Corporation, plc is a neuroscience-focused biotechnology company committed to making a difference in the lives of patients and their families by dedicating itself to bringing innovations in science to fill significant unmet medical needs that continue to exist around the world. Elan shares trade on the New York and Irish Stock Exchanges. For additional information about Elan, please visit www.elan.com.







Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare (PDF) Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare (PDF) Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare (DOC) nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile (PDF) comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya (PDF) Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolare Nota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la nota Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2 Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato s

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento. Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo approp

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012: Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica. Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla». Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio an