Passa ai contenuti principali

Cannabis terapeutica: al via la produzione made in Italy




Anche l’Italia segue l’esempio di altri paesi esteri e inizia la produzione della cannabis terapeutica i cui effetti benefici cureranno malattie rare.

In estate anche l’ Italia avrà la sua prima serra da 50 metri quadrati in cui verrà prodotta per la prima volta cannabis terapeutica, autorizzata grazie ad un accordo siglato tra ministero della Difesa e quello della Salute.

Responsabile della produzione, lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, che per ora dovrà produrre circa un quintale di fiori essiccati all’anno. È questa la quantità adatta, per ora, a coprire il fabbisogno nazionale, destinato però a crescere sempre più. A Firenze infatti la produzione partirà prima con una ‘serra pilota’, destinata successivamente ad ampliarsi di circa 3 volte, fino a raggiungere i250 metri quadrati.

Oggi la sostanza fondamentale per trattare i sintomi di malattie come dolore spastico nella sclerosi multipla, nausea e vomito indotti da chemioterapia, sindromi neurologiche rare e dolori neuropatici, viene importata dall’estero, soprattutto dall’Olanda, dove costa circa 7-9 euro al grammo. Da qui, una volta giunta in farmacia, la cannabis viene venduta a circa 40 euro, ma nel momento in cui la produzione inizierà anche in Italia, sarà possibile trovarla in commercio anche a 15 euro al grammo, per un dosaggio standard che dovrebbe aggirarsi intorno ai 5 grammi.

La cannabis ‘viaggerà’ dallo Stabilimento alle farmacie regionali, in base alle richieste che partono dalle Regioni.

Al momento, ad aver aderito al programma terapeutico sono le regioni Toscana, Puglia, Abruzzo, Sicilia, Umbria, Veneto, Marche, Liguria e Friuli, ma dati i risultati positivi che la canapa sta avendo su persone affette da malattie gravi, si prevede che la domanda subirà un forte aumento.


Fonte: http://iljournal.today



Italy also follows the example of other foreign and begins production of cannabis whose benefits will treat rare diseases.

In summer also 'Italy will have its first greenhouse of 50 square meters which will be produced for the first time cannabis, authorized under an agreement signed between the Ministry of Defence and Health.

Responsible for the production, the Chemical pharmaceutical plant military Florence, which for now will produce about a ton of dried flowers per year. This is the appropriate amount, for now, to cover the national demand, however, intended to grow more and more. In Florence, in fact, the production will start first with a 'greenhouse pilot', destined subsequently to expand by about 3 times, until you reach i250 square meters.

Today the fundamental substance to treat the symptoms of diseases such as multiple sclerosis spastic pain, nausea and vomiting caused by chemotherapy, rare neurological syndromes and neuropathic pain, is imported from abroad, mainly from the Netherlands, where it costs about 7-9 euro to gram. From here, once they arrive at the pharmacy, cannabis is sold at about 40 euro, but at a time when production will begin in Italy, you can also find it on the market at € 15 per gram, for a standard dosage that would be around to 5 grams.

Cannabis 'will travel' from the plant to the regional pharmacies, according to the requests that depart from Regions.

At the moment, to have adhered to the treatment program are the regions of Tuscany, Puglia, Abruzzo, Sicily, Umbria, Veneto, Marche, Liguria and Friuli, but given the positive results that hemp is having on people with serious diseases, it is expected that demand will experience a sharp increase.

Commenti

  1. era ora ! l'idiozia, tutta italiana, comincia a venir meno !!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…