Passa ai contenuti principali

Tysabri e PML: quali sono i veri numeri?

Ottima riflessione...


di Matteo Scibilia


In base ai dati forniti da Biogen (Marzo 2014), il rischio di Leucopatia Multifocale Progressiva (PML) nei pazienti SM trattati con natalizumab, e negativi JCV, è molto basso (0,1 per 1000).

Ma è proprio così? Come si sa, una percentuale è il risultato di una divisione, fra un numeratore (gli eventi PML, in questo caso) ed un denominatore (le persone che assumono Tysabry, in questo caso).
Ora, mentre il denominatore è un dato certo (circa 123.000 secondo Biogen), la stessa cosa sembra che non si possa dire per il numeratore. Vediamo perchè...

Testimonianza di un addetto FDA (link)
Io ho lavorato nel programma della FDA che gestisce i farmaci monitorati nel quadro del programma di valutazione e riduzione dei rischi. La FDA richiede che, in presenza di morte (o evento avverso) derivante dal farmaco, questo debba essere segnalato.
MA, non viene richiesto alle case farmaceutiche di attivarsi per ottenere le informazioni. Quindi l'unico modo per registrare l'informazione di decesso è se il medico chiede casualmente informazioni sulla documentazione necessaria. Noi siamo costretti a porre tutta una serie di domande, prima di poter registrare il paziente. MA la maggior parte degli studi medici non ha il tempo per stare al telefono e discutere di queste informazioni, per cui finisce che non vengano registrati.
Ogni tanto, avviene che è un membro della famiglia a fare la segnalazione. Ma non essendo un medico, dobbiamo indirizzarli alla società farmaceutica, e chissà che fine fanno tali informazioni.
Ho un grande sospetto che i casi di PML siano molto di più di quanto riportato.
Per mille o Per cento? (link)
eHealthMe ha estrapolato da un database di circa 300milioni di dati quelli relativi a Tysabri.

97,502 le persone interessate, sotto tempia con Tysabri - Effetti collaterali riscontrati: fatica, fatica aggravata, ricadute RR, debolezza, mal di testa

al 5 Marzo 2014, 90.305 persone hanno avuto effetti collaterali
di questi, 2.943 ha avuto la PML:: il 3.26% - PER CENTO, E NON PER MILLE!
L'assenza JCV tiene al sicuro dalla PML?
Questi dati non sono disaggregati fra persone con JCV, e persone JCV-free. Premesso che bisogna tener conto del fatto che il confronto andrebbe fatto a parità di "durata" (e sappiamo bene che il rischio PML si incrementa in maniera esponenziale con il passare del tempo), il problema è che non è assolutamente detto che la condizione JCV-free prima della terapia permanga tale anche dopo.

Uno studio di Major (JC Viremia in Natalizumab-Treated Patients with Multiple Sclerosis) pubblicato sul New England Journal of Medicine nel Giugno 2013 ha rilevato che un terzo dei pazienti SM, che erano stati dichiarati JCV-free, in effetti free non lo erano proprio. Pertanto, un singolo test può essere utile, ma non definitivo per decidere di iniziare il trattamento, visto il rischio di una così alta percentuale di falsi negativi.

Per completezza di informazione, segnalo uno studio (Simultaneous PML-IRIS after discontinuation of natalizumab in a patient with MS), che ipotizza come l'esacerbazione da sospensione di Tysabri (il cosiddetto effetto rebound) possa essere invece un segnale di PML-IRIS (Immune reconstitution inflammatory syndrome).



Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…