Passa ai contenuti principali

SM e danni dovuti all'Interferone

soddisfazioni.... "Se dopo 3-4 mesi di terapia non si osservano miglioramenti, valutare l’eventuale sospensione del trattamento."

10 anni....vabbè

Di Achille Daga



NON CI RESTA CHE INVITARE I NEUROLOGI A RICONSIDERARE L'EFFICACIA DELL'INTERFERONE NELLA CURA DELLA SCLEROSI MULTIPLA, GLI STUDI RIPORTATI DI SEGUITO NE SONO LA PROVA, L'INVITO È ANCHE RIVOLTO A TUTTE LE AGENZIE DEL FARMACO, NAZIONALI E INTERNAZIONALI.



UNA DIAGNOSTICA DI ULTIMA GENERAZIONE CI DICE LA VERITÀ!

Recentemente è stato dimostrato che il sistema (LDV) retinica laser Doppler è uno strumento affidabile, non invasivo, e utile per valutare la microcircolazione retinica nell'uomo.



IL 61% DI QUESTI PAZIENTI HA SVILUPPATO RETINOPATIA ASINTOMATICA TRA CUI EMORRAGIA RETINICA NEL CORSO DEL TRATTAMENTO INTERFERONE.



Molti ricercatori hanno ipotizzato che il meccanismo della retinopatia IFN-indotta potrebbe essere la rottura del microcircolo della retina, perché retinopatia IFN-indotta è caratterizzata da non perfusione capillare, macchie di cotone-lana, ed emorragia retinica, tutti gli indicatori di alterazioni ischemiche della retina. 9 25 Tuttavia, per quanto a nostra conoscenza, nessuno studio ha esaminato l'effetto della terapia IFN sui cambiamenti nella circolazione retinica nell'uomo. Abbiamo dimostrato per la prima volta che c'è stato un cambiamento significativo nella RBF dopo la terapia con IFN in pazienti con epatite cronica C.



FONTE:

http://www.iovs.org/content/48/1/368.full



Sclerosi Multipla: il trattamento con Interferone beta è associato a risultati sfavorevoli a lungo termine



E’ stato pubblicato sul sito della prestigiosa rivista medica “Annals of Neurology” un interessante studio intitolato “Predittori dei risultati alungo termine nei pazienti con sclerosi multipla trattati con Interferone beta“.Alcuni ricercatori americani, coordinati dal dr. Robert A. Bermel di Cleveland, hanno provato ad identificare i predittori precoci dei risultati a lungo termine inpazienti con sclerosi multipla (SM) recidivante-remittente, trattati con interferone beta-1a (IFNβ-1a) per via intramuscolare.



Al termine dello studio, secondo gli autori, l’attività della malattia nonostante il trattamento con Interferone beta è associato a risultati sfavorevoli a lungo termine.



Particolare attenzione deve essere prestata alle lesioni captanti il gadolinio nella terapia con interferone beta, in quanto la loro presenza è strettamente correlata con una disabilità grave 15 anni più tardi. I risultati forniscono un razionale con la risonanza magnetica per il monitoraggio pazienti trattati con Interferone beta e per la modifica della terapia in pazienti con malattia attiva.



FONTE:

http://mediterranews.org/2012/09/sclerosi-multipla-il-trattamento-con-interferone-beta-e-associato-a-risultati-sfavorevoli-a-lungo-termine/



INTERFERONE (IFN)

Avonex, Rebif, Introna e altri

Se dopo 3-4 mesi di terapia non si osservano miglioramenti, valutare l’eventuale sospensione del trattamento.



FONTE:

http://www.pharmamedix.com/principiovoce.php?pa=Interferone+(IFN)&vo=Posologia


Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…