Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla: seconda Bavera la CCSVI esiste, ma la strada è lunga e tortuosa


La rivista scientifica Nautilus Salute ha pubblicato un articolo divulgativo a firma del dott. Pietro Maria Bavera intitolato "CCSVI, a Long and Winding Road". La strada lunga e tortuosa a cui fa riferimento il dottor Bavera, citando la celebre canzone dei Beatles composta da Paul McCartney, è quella che sta percorrendo il professor Paolo Zamboni per veder riconosciuta la sua teoria che vuole la CCSVI (Chronic Cerebro Spinal Venous Insufficiency) legata all'insorgenza della sclerosi multipla.




La rivista scientifica Nautilus Salute ha pubblicato questa settimana (Anno VIII - N. 1, 2014) un articolo divulgativo a firma del dott. Pietro Maria Bavera intitolato "CCSVI, a Long and Winding Road". La strada lunga e tortuosa a cui fa riferimento il dottor Pietro Maria Bavera, citando la celebre canzone dei Beatles composta da Paul McCartney, è quella che sta percorrendo il professor Paolo Zamboni, chirurgo vascolare dell'Università di Ferrara, per veder riconosciuta la sua teoria che vuole la CCSVI (Chronic Cerebro Spinal Venous Insufficiency) legata all'insorgenza della sclerosi multipla. Il dottor Bavera, nel suo articolo, sottolinea "lo schieramento dei neurologi da anni si occupa, giustamente, della cura della malattia sclerosi multipla (SM), mentre Zamboni sostiene poter aver individuato una delle cause della malattia SM, perciò non la cura di per sè". Ma tale approccio, porta anche alla rottura tra Zamboni e "una forte maggioranza di neurologi", anche se Bavera ricorda come siano "di recente usciti due articoli su riviste autorevoli che mettono persino in dubbio l'efficacia" delle terapie che mirano "soprattutto ad inibire lo sviluppo della malattia e dei suoi micidiali danni" (Shirani A, Zhao Y, Karim ME, Evans C, Kingwell E et Al. Association between use of Interferon Beta and progression of disability in patients with relapsing-remitting multiple sclerosis; Bermel RA, You X, Foulds P et Al. Predictors of long-term outcome in multiple sclerosis patients treated with interferon beta).

"La teoria, sostenuta da Zamboni, riguarda una probabile causa ed è invece ostacolata in molti modi, ad iniziare dalla difficoltà nel reperire sia i fondi economici che il sostegno di specialisti neurologi che dovrebbero partecipare alla ricerca stessa" precisa quindi il dottor Bavera. Anche se "un gruppo di esperti medici italiani, soprattutto chirurghi vascolari e neuroradiologi interventisti, ha iniziato ad occuparsi del problema" tuttavia, evidenzia Bavera, "non si è mai creato il presupposto per costruire una sorta di registro nazionale del lavoro svolto, né tantomeno furono stese linee guida su come comportarsi nella fase stessa dell'intervento oltre che nei giorni o settimane a seguire". Bavera ricorda quindi come "in questa situazione piuttosto confusa, gli oppositori della'Teoria' (Zamboni, ndr) si sono compattati ed organizzati, allestendo uno studio, l'ormai noto CosMo1, con esito: 'non esistono rapporti tra alterazioni del flusso ematico dei vasi del collo, la cosiddetta CCSVI, e la sclerosi multipla', (...) pubblicato sul Multiple Sclerosis Journal e finanziato da l'Associazione Italiana Sclerosi Multipla-AISMcon la sua Fondazione FISM". Il dottor Bavera ricorda però che "lo studio CosMo è nato a seguito di una divergenza di un progetto di ricerca che avrebbe dovuto vedere uniti sia Zamboni che AISM2. La divergenza di diversi fattori interpretativi dell'esame diagnostico strumentale, cioè l'eco-doppler, ha comportato la rottura per lo studio congiunto". "A essere obiettivi fino in fondo, - prosegue Bavera - lo studio CosMo è stato portato avanti con grandi disponibilità economiche mentre il Prof. Zamboni ha deciso di intraprendere, tra mille ostacoli e minori risorse economiche, uno studio autonomo denominato Brave Dreams3 (BRAin VEnous DRainage Exploited Against Multiple Sclerosis)" cioè "sfruttare il drenaggio venoso contro la sclerosi multipla". L'articolo pubblicato su Nautilus Saluteprosegue sottolineando come nel frattempo, siano "stati pubblicati in tutto il mondo articoli e studi che confermerebbero la Teoria Zamboni".


Il dottor Pietro Maria Bavera spiega quindi che "volendo immaginare una situazione simile a quello che accade al sistema venoso profondo degli arti inferiori in una condizione di insufficienza venosa cronica ma trasportato ai vasi del collo, ci si potrebbe avvicinare a capire meglio la CCSVI. - chiarendo - Allora, pensando ai vasi del collo, come medici abitualmente ci poniamo il problema del sangue che deve entrare nella testa, ma poca attenzione è solitamente dedicata a quello che esce dalla scatola cranica. Eppure viene logico pensare che questo meccanismo deve o dovrebbe essere in perfetta parità, tanto entra e tanto esce. Qui sta, in termini piuttosto semplificati, il nocciolo della questione: in una consistente percentuale di malati affetti da patologie neurologiche degenerative progressive, il bilancio è nettamente a sfavore della corrente ematica in uscita". Nell'articolo il dottor Bavera ammette quindi che "i risultati degli ECD (ecocolordoppler, ndr) sono troppo spesso contrastanti tra loro. - aggiungendo - Purtroppo questo è un limite importante ad una osservazione frequente. Va ricordato come questo esame non sia puramente macchina-dipendente bensì in gran misura dipenda dall'operatore che si dovrebbe poi anche confrontare con lo specialista che eventualmente interverrà. L'esame di diagnosi per CCSVI diventa quindi, in alcuni casi, ancora più complicato poiché si potrebbero aggiungere delle manovre ulteriori a quelle, prevalentemente legate a fasi diverse del respiro, previste dalprotocollo di Zamboni".

Bavera, dottore di Chirurgia Vascolare e Angiologia (Fondazione Don Gnocchi e Medick-Up Lab, Milano) precisa infine che la "CCSVI sta incontrando condizioni di positività in diverse altre patologie neurologiche progressive, e conseguenti risultati anche per alcuni di questi malati che sono stati trattati". In conclusione, il dottor Bavera si dice convinto che non solo dell'esistenza della CCSVI ma precisa che è anche "probabile che si tratti di patologia ancora più complessa e con maggiori varianti rispetto ai quadri con i quali siamo partiti tre anni fa" auspicando che "finché esisteranno le patologie vascolari dovranno esserci le condizioni ideali per curarle, senza preclusioni verso le terapie farmacologiche affiancandole eventualmente procedure interventistiche più o meno invasive".





Nautilus Salute No. 1, 2014
ORIGINAL ARTICLE
“CCSVI, a Long and Winding Road”.
Pietro Maria Bavera, MD

Summary
CCSVI (Chronic Cerebrovascular Venous Insufficiency) is still an open issue for discussion and is one topic that is still object of controversy. Easy to say, the discussion is open principally to have this pathology recognised as a reality, to give it a scientific identity. Quite obviously it is easier to demonstrate what is universally accepted rather than what is subject to demonstration. The latter is to accept, or not, anatomical and/or physical adverse conditions for venous outflow from the cephalic and spinal chord area and therefore approve eventual operations to correct the anomalies, according to their number and distribution. Still, things are moving and this because of results, which mean numbers.
Numbers are made of variables, the less the better and this is perhaps the weak side for CCSVI diagnosis and consequent results.
The diagnosis, as most experts know, is principally based on Ultrasound Duplex exams, where the dedicated machine is prepared on the purpose. The Physician diagnostician as well, is prepared for the specific exam that is carried out following Zamboni’s parameters, both in lying and sitting positions.
The weak ring of this imaginary chain are the patients; they are not all the same, like their disease - Multiple Sclerosis (MS)- that is under the highlights of this specific type of diagnostic exam. As a consequence also the results quite frequently are different.
This is a sort of cascade that necessarily cannot easily transform both the diagnostic exam, and the results into certainty.
These affirmations are possible only because there is a personal heavy background made of numbers and a sufficient amount of time to grow these numbers. Moreover, a certain number of papers oppose CCSVI even if, and this too should be highlighted, most of these works have an elevated interest conflict rate. In time and with the conclusion of Zamboni’s “Brave Dreams” study, more exact information will be given on this pathology.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…