Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla e farmaci immunosoppressori: la chemioterapia provoca atrofia cerebrale, demielinizzazione e la progressione della malattia

di Achille Daga


LEGGETE CON MOLTISSIMA ATTENZIONE!

La chemioterapia utilizzata nel trapianto di midollo osseo è in grado di accelerare la progressione della malattia nei soggetti con SM progressiva.



MALEDETTI!

I NEUROLOGI HANNO SEMPRE SAPUTO E TACIUTO CHE LA CHEMIOTERAPIA CAUSA ATROFIA CEREBRALE NEL LUNGO PERIODO, IN MOLTI ANNI .................



FATE ATTENZIONEEEEEEEEEEEEEEEEEE !

SE VI VIENE CONSIGLIATO DI PROVARE UNA DI QUESTE TERAPIE, SI PREGA DI DISCUTERE GLI EFFETTI COLLATERALI CON IL VOSTRO MEDICO.



Farmaci immunosoppressori chemioterapici nella Sclerosi Multipla ...............

http://www.sclerosi.org/terapie-immunosoppressive.php



Mentre molti specialisti di SM continuano ad esplorare chemioterapie per le persone con SM, gli effetti collaterali di questi farmaci sul cervello sono raramente menzionati. Come abbiamo ulteriori informazioni circa gli effetti a lungo termine della chemioterapia del sistema nervoso centrale, È DI VITALE IMPORTANZA CHE LE PERSONE CON MS RIPORTINO I FATTI. FARMACI MS BASED CHIMICO-CORRENTI INCLUDONO RITUXAN, NOVANTRONE E CYTOXAN (CICLOFOSFAMIDE), COSÌ COME IL TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO.

SE VI VIENE CONSIGLIATO DI PROVARE UNA DI QUESTE TERAPIE, SI PREGA DI DISCUTERE GLI EFFETTI COLLATERALI CON IL VOSTRO MEDICO.



Studi recenti hanno iniziato a svelare le basi cellule biologiche per le sindromi neurotossici comunemente visto in chemioterapia associata centro di danni al sistema nervoso e hanno fornito spiegazioni convincenti per complicanze neurologiche in ritardo, come il declino cognitivo, disturbi della mielina progressiva e atrofia cerebrale.



https:// www.landesbioscience.com/curie/chapter/4462/



1. La chemioterapia uccide le cellule di mielina e OPC - chemioterapie sono noti per influenzare le cellule cerebrali sane, causando loro di morire molto tempo dopo la fine del trattamento. Studi hanno dimostrato che mesi dopo l'esposizione ai comuni chemioterapici, oligodendrociti e le cellule precursori continuano a morire, e il cervello è in grado di remyelinate.



Questo studio è il primo modello di una sindrome degenerazione ritardo che comporta una perturbazione globale delle cellule che formano la mielina che sono essenziali per la normale funzione neuronale ", ha dichiarato Mark Noble, Ph.D. , direttore della University of Rochester cellule staminali e rigenerativa Medicine Institute e autore senior dello studio. "A causa della nostra crescente conoscenza delle cellule staminali e la loro biologia, ora possiamo cominciare a capire e definire i meccanismi molecolari alla base delle difficoltà cognitive che indugiano e peggiorano in un numero significativo di pazienti affetti da cancro."



http://www.urmc.rochester .edu / news / storia / index.cfm? id = 1963



2. Chemioterapia cambia il metabolismo del cervello - I medici hanno a lungo descritto "chemio cerebrale" - un effetto collaterale comune e debilitante della chemioterapia, causando la nebbia cognitiva e la perdita di capacità di coping. Infatti, il metabolismo del cervello è alterata.



Fenomeno chemio cerebrale è più di una sensazione. Non è la depressione. Si tratta di un cambiamento nella funzione del cervello osservabili sul PET / CT imaging cerebrale. " Con l'aiuto di uno speciale software, sono stati in grado di individuare differenze nel metabolismo del cervello prima e dopo la chemio. Hanno poi correlato questi con la storia e dati provenienti da esami neurologici dei pazienti e trattamenti chemio. L'analisi rivela un nesso statisticamente significativo tra la riduzione del metabolismo cerebrale regionale e sintomi della chemio cerebrale. Lagos dice che i loro risultati mostrano "ci sono aree specifiche del cervello che utilizzano meno energia dopo la chemioterapia". "Queste aree del cervello sono quelle noto per essere responsabile della pianificazione e prioritizzazione, "aggiunge.



http://www.medicalnewstoday.com/articles/253277.php



3. chemioterapia utilizzata nel trapianto di midollo osseo raddoppia atrofia cerebrale nei pazienti con SM progressiva. causa di questo, si neurologo è ora in guardia i suoi pazienti con sclerosi multipla progressiva. La chemioterapia utilizzata nel trapianto di midollo osseo è in grado di accelerare la progressione della malattia nei soggetti con SM progressiva.



Il seguente studio sono stato coinvolto mostra che quando SPMSers sono sottoposti a chemioterapia subiscono una maggiore perdita neuronale , che è associata a progressione veloce sull'EDSS e una maggiore atrofia cerebrale. Il dato parla da sé. L'immagine qui sotto è quello che chiamiamo una curva di sopravvivenza di progressione EDSS e si può vedere che i MSers che avevano elevati livelli sierici di tossicità neuronale marcatore neurofilament erano molto più propensi a progredire rispetto a coloro che non hanno alzato i livelli di neurofilamenti. Allo stesso modo, i tassi di atrofia cerebrale nei SPMSers erano nell'ordine del 2,1% all'anno in coloro che hanno avuto un trapianto di midollo osseo rispetto a solo il 1,2% all'anno in SPMSers che non hanno avuto un trapianto di midollo osseo, il limite superiore del normale per atrofia cerebrale in adulti sani è generalmente accettato al 0.4% annuo. La linea di fondo è che se avete SMSP BMT rischia di accelerare la sua malattia





infatti, i neurologi hanno conosciuto la chemioterapia causando atrofia cerebrale per molti anni. Ecco uno studio del 2006 - in cui i neurologi seguivano atrofia cerebrale dopo la chemioterapia in preparazione per un trapianto di midollo osseo. E hanno incluso un uomo senza MS, in trattamento per il cancro, per vedere come il suo cervello ha fatto. La sua atrofia cerebrale raddoppiato .... proprio come le persone con SM. L'uomo con linfoma non-Hodgkin ha fornito un indizio. Perché lui non ha avuto MS, egli non avrebbe dovuto avere qualsiasi infiammazione cerebrale o edema. Eppure, nei tre mesi dopo aver ricevuto lo stesso trattamento a tutti i pazienti affetti da SM, il suo cervello si è ridotto al ritmo di circa il 6 per cento all'anno, un tasso di atrofia simile al MS ancora non comprendere appieno il meccanismo della malattia della SM. Mentre specialisti di SM continuano ad operare sotto l'ipotesi che un sistema immunitario difettoso deve essere annientato ---- stiamo imparando che la vera progressione della SM può essere collegato alla perdita neuronale o atrofia cerebrale. C'è una ironia terribile e tragico nel fatto che chemioterapie, che sono noti per i tassi doppi atrofia cerebrale, vengono raccomandati alle persone con SM. prego, di condividere queste informazioni nella comunità della SM. Per coloro che sono già stati trattati con chemioterapie, c'è speranza di guarigione attraverso diete ad alto contenuto di antiossidanti e fitonutrienti e omega 3 supplementazione di olio. In realtà, semplici fattori di stile di vita come dieta, esercizio fisico, ai raggi UV e vitamina D aumentano il flusso di sangue al cervello stanno aiutando atrofia cerebrale inversa in tutti quelli con SM. Conoscere i fatti, e bene, Joan



http://ccsviinms.blogspot.it/2014/03/chemotherapy-causes-brain-atrophy.html

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…