Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla: il trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche - l'esperienza svedese

Articolo del 20 febbraio 2014 preso da www.ccsviitalia.org


di Matteo Scibilia


Uno studio osservazionale pubblicato sul Journal of Neurology, Neurosurgery & Psichiatry illustra i risultati a 5 anni su un gruppo di 48 malati di Sclerosi Multipla (SM), sottoposti a trapianto di Cellule Staminali Ematopoietiche (HSCT).

I pazienti erano tutti con una forma aggressiva della SM (RR 83%)

I risultati a 5 anni sono molto incoraggianti:

senza alcuna ricaduta 87%
senza riscontri RM 85%
senza peggioramento EDSS 77%
senza alcuna attività della malattia 68%


Effetti collaterali importanti :

riattivazione di herpes zoster 15%
problemi alla tiroide 8,4%

Le conclusioni degli Autori sono che "HSCT costituisce un trattamento molto efficace per il trattamento dell'attività infiammatoria della SM, e può essere applicato con sufficiente sicurezza in Centri Specializzati".



Abstract

BACKGROUND:

Autologous haematopoietic stem cell transplantation (HSCT) is a viable option for treatment of aggressive multiple sclerosis (MS). No randomised controlled trial has been performed, and thus, experiences from systematic and sustained follow-up of treated patients constitute important information about safety and efficacy. In this observational study, we describe the characteristics and outcome of the Swedish patients treated with HSCT for MS.
METHODS:

Neurologists from the major hospitals in Sweden filled out a follow-up form with prospectively collected data. Fifty-two patients were identified in total; 48 were included in the study and evaluated for safety and side effects; 41 patients had at least 1 year of follow-up and were further analysed for clinical and radiological outcome. In this cohort, 34 patients (83%) had relapsing-remitting MS, and mean follow-up time was 47 months.
RESULTS:

At 5 years, relapse-free survival was 87%; MRI event-free survival 85%; expanded disability status scale (EDSS) score progression-free survival 77%; and disease-free survival (no relapses, no new MRI lesions and no EDSS progression) 68%. Presence of gadolinium-enhancing lesions prior to HSCT was associated with a favourable outcome (disease-free survival 79% vs 46%, p=0.028). There was no mortality. The most common long-term side effects were herpes zoster reactivation (15%) and thyroid disease (8.4%).
CONCLUSIONS:

HSCT is a very effective treatment of inflammatory active MS and can be performed with a high degree of safety at experienced centres.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…