Passa ai contenuti principali

CCSVI: Monza, PTA e EDSS - scarsa efficacia

di Matteo Scibilia




Il Team del Policlinico di Monza. coordinato dal dr. Filippo Scalise, ha pubblicato questo Studio su Flebology,



Lo studio si proponeva di valutare i risultati a breve termine sulla emodinamica e sui risultati clinici nei pazienti sottoposti a PVA (Anioplastica Venosa, intesa anche PTA) per il trattamento della Insufficienza Venosa Cronica Cerebrospinale (CCSVI).



Dall'analisi dei dati relativi ai 45 pazienti trattati gli Autori hanno rilevato :

un notevole miglioramento del flusso
la individuazione di 2 gruppi di pazienti : uno che risponde al trattamento (A) ed un altro che non risponde (B)
un minimo miglioramento nella scala di disabilità (EDSS), comunque abbastanza simile fra il Gruppo A (- 0,31) ed il Gruppo B (-0,27)
nessuna correlazione nelle variazioni post-PVA del livello di Insufficienza Venosa Emodinamica (VHISS), il tipo di Sclerosi Multipla e la sua durata
Anche se la speranza riposta nel trattamento della CCSVI rimane sempre quella che la PTA possa influire positivamente sulla progressione della malattia, i risultati di questo studio - per la parte relativa all'EDSS - non sono molto incoraggianti. Specie se consideriamo che si tratta di risultati a 3 mesi, cioè il periodo nel quale si osservano i migliori risultati.
Confidiamo che ulteriori studi (Brave Dreams fra tutti) possano illuminare meglio questo aspetto



The Monza Policlinico Team . coordinated by dr. Filippo Scalise , has published this study on Flebology.



The study aimed to evaluate the short-term results on hemodynamics and clinical outcome in patients undergoing PVA ( Anioplastica Venosa , understood PTA) for the treatment of Chronic Cerebrospinal Venous Insufficiency ( CCSVI) .



An analysis of data on 45 patients , the authors noted :

a considerable improvement of the flow
the identification of two groups of patients: one that responds to treatment ( A) and another that does not respond ( B)
a minimal improvement in the disability scale (EDSS ), however quite similar between Group A (- 0.31) and Group B ( -0.27 )
no correlation in the variations of the level of post- PVA Venous Insufficiency Hemodynamics ( VHISS ) , the type of multiple sclerosis and its duration
Although their hope in the treatment of CCSVI remains that the PTA will have a positive impact on the progression of the disease , the results of this study - the requirement for the EDSS - are not very encouraging. Especially if we consider that these results at 3 months, ie the period in which we observe the best results.
We hope that further studies ( Brave Dreams of all ) can illuminate this aspect

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…