Passa ai contenuti principali

Zamboni: grazie a lui arriverà al Sant’Anna una tecnologia che non esiste in Europa

Articolo del 30 dicembre 2013 preso da www.telestense.it


Il 2013 si chiude a Ferrara con una notizia di straordinaria importanza per la ricerca scientifica nel campo della Medicina. In arrivo al Sant’Anna da Detroit una strumentazione non ancora in produzione , che servirà a potenziare la nuova ricerca dell’equipe di Zamboni su “cervello e fluidi”.

Una risonanza magnetica a 3 tesla sarà istallata probabilmente a primavera nel nuovo ospedale di Cona: servirà a potenziare la ricerca scientifica del prof. Paolo Zamboni Direttore del Centro Malattie Vascolari dell’Università di Ferrara, grazie al cui prestigio scientifico internazionale la potente strumentazione è stata donata all’Azienda ospedaliero universitaria Sant’Anna. Stiamo mettendo a punto con la Regione, ci ha spiegato il Direttore generale del Sant’Anna, Gabriele Rinaldi un accordo che definirà gli ambiti di utilizzo della macchina e le procedure per la sua istallazione.

La macchina arriverà a Ferrara insieme al suo ideatore il radiologo prof. E. Mark Haacke della Wayne State University di Detroit, che l’Università di Ferrara accoglierà presso il Dipartimento di Fisica con una Copernicus professorship. Una macchina simile non esiste in Europa, ci dice Paolo Zamboni, il progetto che stiamo sviluppando con la Regione, prevede un utilizzo riservato alla ricerca sulle malattie neuro vascolari. La presenza a Ferrara del professor Haacke consentirà di far partire un’attività formativa ad ampiuo raggio che comprende diversi settori disciplinari tutti coinvolti nella ricerca del prof. Zamboni su Cervello e fluidi.


2013 closes in Ferrara with a story of extraordinary importance for scientific research in the field of Medicine . Coming from Detroit to St. Anne instrumentation is not yet in production, which will serve to enhance the new research of the team of Zamboni on " brain and fluids ."

A magnetic resonance imaging at 3 tesla will be installed in the new hospital probably in the spring of Cona : it will serve to strengthen the scientific research of prof. Paolo Zamboni Director of the Vascular Diseases Center, University of Ferrara, whose prestige thanks to the powerful international scientific instrumentation has been given to the Company Sant'Anna University Hospital . We are developing with the Region , explained the Director-General of St. Anne, Gabriel Rinaldi an agreement that will define the scope of use of the machine and the procedures for its installation .

The machine will come in Ferrara with his creator radiologist prof. E. Mark Haacke at Wayne State University in Detroit , which will host the University of Ferrara , Department of Physics Copernicus with a professorship . A similar machine does not exist in Europe , says Paolo Zamboni , the project that we are developing with the Region , provides a use reserved for neurovascular disease research . The presence in Ferrara Professor Haacke will allow you to start an education activity to ampiuo range that includes all the various disciplines involved in the research of Professor. Zamboni on Brain and fluids.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…