Passa ai contenuti principali

Staminali: Vannoni incontra gli studenti a Vasto

Articolo del 18 novembre 2013 preso da www.zonalocale.it



Il professor Davide Vannoni a Vasto per incontrare gli studenti. Il docente che ha messo a punto ilMetodo Stamina, ossia l'utilizzo delle cellule staminali prelevate dal midollo osseo, "terrà una conferenza il 21 novembre nell'aula magna del Liceo scientifico Mattioli. Dialogherà con i ragazzi delle classi quarta e quinta e con le delegazioni di studenti degli istituti scolastici del Vastese", annuncia Stefano Moretti, che in Abruzzo, insieme a un gruppo di genitori, sostiene l'utilizzo del Metodo Stamina, la cui sperimentazione è stata bocciata dagli esperti del Ministero della Salute. La vicenda sta creando forti polemiche. Il Movimento Vite sospese chiede a gran voce al Governo di dare il via libera alle cure con le staminali. In Abruzzo è nota la vicenda della piccola Noemi.

La bimba abruzzese - La piccola Noemi, la bimba di 18 mesi di Guardiagrele affetta da atrofia muscolare spinale (Sma) dovra' attendere qualche giorno prima di sapere se potra' sottoporsi a cure con il metodo Stamina che viene praticato dall'azienda ospedaliera Ospedali civili di Brescia.
Il giudice del lavoro dell'Aquila, Annamaria Tracanna, alla quale i genitori della piccina hanno presentato un'istanza d'urgenza (ex art. 700), si e' riservata di decidere prendendosi cinque giorni di tempo. La notizia di Noemi era balzata sulle cronache nazionali lo scorso 15 ottobre quando il papa' della piccola ricevette, incredulo, una telefonata sul suo cellulare da parte di Papa Francesco.

Stamane il legale della famiglia Sciarretta ha depositato una voluminosa documentazione. "In particolare - dice all'Agi l'avvocato Michela Di Iorio - abbiamo consegnato un fascicolo con una nutrita documentazione medico-scientifica corroborata da sentenze e relazioni di professori di fama mondiale, tra cui anche quella di Camillo Ricordi dell'Universita' di Miami, che attestano come dal metodo Stamina si possano trarre dei benefici tangibili. Benefici - ha aggiunto il legale - che risultano anche da diverse cartelle cliniche che abbiamo allegato allo stesso fascicolo dalle quali emerge che diversi bambini hanno avuto un percorso positivo, un miglioramento tangibile, grazie alle staminali". Lo scorso 6 novembre il Pontefice, prima dell'udienza generale in piazza San Pietro, aveva incontrato a Santa Marta la piccola Noemi e i suoi giovani genitori.

Era stato lo stesso Papa Francesco a raccontare ai fedeli il suo incontro con Noemi. "Prima di venire in piazza - aveva detto - sono andato a trovare una bambina di un anno e mezzo, con una malattia gravissima, suo papa' e sua mamma pregano, chiedono al Signore la salute di questa bella bambina. Si chiama Noemi, sorrideva poveretta, facciamo un atto di amore: noi non la conosciamo ma e' una bambina battezzata, e' una di noi. Chiediamo al Signore che la aiuti e le dia salute".

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…