Passa ai contenuti principali

Cellule Staminali: Vannoni, da Abruzzo aperture per nuova sede cure Stamina

Articolo del 20 novembre 2013 preso da www.focus.it


Roma, 20 nov. (Adnkronos Salute) - Positivo, e "con aperture" da parte delle autorità intervenute, l'incontro fra Stamina Foundation e rappresentanti della Regione Abruzzo, avvenuto oggi [20 novembre n.d.r.] per valutare la possibilità di eseguire le infusioni di cellule staminali, come cure compassionevoli, in una struttura sanitaria abruzzese. A dirlo all'Adnkronos Salute è il presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni.

"Abbiamo incontrato prima alcuni componenti della Commissione Sanità della Regione Abruzzo - racconta - poi alcuni tecnici e responsabili di centri trapianti. Ci sono delle aperture, ma ho notato dalla maggior parte delle persone una grande paura dell'Agenzia italiana del farmaco. Ed è stato difficile spiegare e far comprendere la differenza che c'è fra una sperimentazione e una cura compassionevole. Speriamo di esserci riusciti. E' stato comunque fissato un nuovo incontro già fra una settimana-dieci giorni. Si parla di" mettere a disposizione di Stamina "una struttura a Pescara, anche se ci vorrà comunque l'intervento dei giudici del lavoro per autorizzare le singole cure. Ma almeno si potrà superare l'ostracismo degli Spedali Civili di Brescia nei confronti dei pazienti", evidenzia.

Intanto, si attende "la decisione del Tar di Brescia sul blocco imposto dall'Aifa ai laboratori lombardi - ricorda Vannoni - e il 3 dicembre quella del Tar del Lazio sul comitato scientifico che ha bocciato la sperimentazione del metodo Stamina". Sempre un tribunale si dovrà esprimere a giorni sul caso della piccola Noemi Sciarretta, "il cui papà ha assistito oggi agli incontri con le autorità abruzzesi. Speriamo che il giudice del Lavoro dell'Aquila ordini le cure per la bambina, magari proprio a Pescara" se si arriverà a un accordo, "e non mettendo così la piccola in una lista d'attesa. La politica deve dare delle risposte ai malati - conclude - e deve capire che queste sono cure compassionevoli".



Positive , and " apertures " by the authorities intervened , the meeting between Stamina Foundation and representatives of the Abruzzo region , which occurred today [ 20 November ed] to assess the ability to perform the infusions of stem cells, such as compassionate care in a health facility in Abruzzo. To say Adnkronos Salute is the president of Stamina Foundation, David Vannoni .

"We first met some members of the Health Commission of the Abruzzo Region - he says - and then some technicians responsible for transplant centers . There are openings , but I noticed by most people a great fear of the Italian Drug . And it was difficult to explain and understand the difference between a trial and that there is a compassionate care . Hopefully we have succeeded. E 'was still set a new meeting already in a week to ten days . spoken of " making available of Stamina " a structure in Pescara , although it will take , however, the intervention of the labor courts to authorize individual care . But at least you will be able to overcome the stigma of the Civil Hospital of Brescia towards patients , " highlights .

Meanwhile , expects " the decision of the TAR of Brescia on the block imposed by AIFA laboratories Lombard - remember Vannoni - December 3 and that of the TAR of Lazio on the scientific committee that rejected the testing of the method Stamina ." Always a court will have to express in a few days on the case of little Naomi Sciarretta , "whose father witnessed today in meetings with the authorities of Abruzzo. Hopefully the judge orders Aquila Labour care for the child , perhaps even in Pescara " if you come to an agreement, " and thus not putting in a small waiting list. policy must provide answers to the sick - he concludes - and must understand that these are compassionate care ."

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…