Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla: dalla Polonia ancora una conferma per il Metodo Zamboni

Articolo del 28 marzo 2013 preso da mediterranews.org

di Alessandro Rasman



E' stato pubblicato sul numero di febbraio della rivista scientifica Phlebology della prestigiosa Royal Society of Medicine uno studio intitolato " Valutazione ecodoppler del collo per la diagnosi di insufficienza venosa cronica cerebro spinale in pazienti con sclerosi multipla".

Secondo alcuni ricercatori polacchi dell'Università della Slesia di Katowice recenti studi clinici hanno suggerito una relazione tra la sclerosi multipla (SM) e la presenza di alterazioni patologiche delle vene giugulari, vertebrali ed azygos, che si traducono in un deflusso del sangue anormale dal cervello e dal midollo spinale. Assieme, questi cambiamenti patologici sono stati definiti insufficienza venosa cronica cerebro spinale (CCSVI). Lo scopo dello studio è stato quello di valutare l'utilità dell'ecodoppler nella valutazione dei disturbi del deflusso venoso del sistema nervoso centrale in pazienti affetti da SM.


Sono stati esaminati 181 pazienti con SM, diagnosticata sulla base dei criteri di McDonald, e 50 controlli volontari sani. Tutti i pazienti sono stati sottoposti ad ecodoppler delle vene giugulari interne (IJV) e delle vene vertebrali (VV). E' stata valutata la presenza di disturbi di deflusso e di anomalie morfologiche.

Sono stati diagnosticati cambiamenti patologici nelle vene giugulari extracraniche in 148 dei 181 pazienti con SM (82%) e in 7 dei 50 volontari del gruppo di controllo (14%). Sono state trovate le seguenti anomalie nel gruppo SM: presenza di un reflusso nelle IJVs e/o VVS (54%), restringimento (54%), blocco completo del flusso attraverso la IJV (10%) ed un controllo posturale anormale della via di deflusso cerebrale (25%). Queste particolari patologie avevano significatività statistica nel gruppo SM rispetto al gruppo di controllo. Lo studio ha anche scoperto una correlazione tra la presenza di un flusso invertito nei pazienti in posizione seduta e una SM cronico progressiva (p = 0.0033).

Al termine dello studio, secondo gli autori, gli esami effettuati indicano una possibile connessione tra sclerosi multipla e CCSVI. L'esame ecodoppler, ampiamente accessibile e altamente sensibile e specifico, può essere un'utile analisi per la diagnosi e l'analisi preliminare delle patologie di CCSVI.

Fonte: http://phleb.rsmjournals.com/content/28/1/24.abstract

COMMENTO:

Continuano a venire pubblicate conferme degli studi sulla correlazione tra l'insufficienza venosa cronica cerebro spinale (CCSVI) e la sclerosi multipla (SM), malattia gravemente invalidante che colpisce 63.000 italiani e per la quale purtroppo non si conoscono ancora né le cause né una terapia definitiva e valida per tutti, nonostante le ingenti risorse investite per la ricerca soprattutto nel ricco settore farmaceutico.


Ormai ai ridicoli risultati dello studio CoSMo, promosso e finanziato dall'Associazione Italiana Sclerosi Multipla ( Fism-Aism) e gestito da neurologi con importanti conflitti d'interesse, credono ben pochi...

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…