Passa ai contenuti principali

Sclerosi Multipla-USA: la 30enne che ha dimenticato 17 anni di vita

Articolo del 27 gennaio 2013 preso da www.ilmessaggero.it




ROMA - Si è risvegliata una mattina, nel 2005, ed aveva semplicemente dimenticato, completamente, i precedenti 17 anni di vita. Shawnda Rush quel mattino del 2005 di anni ne aveva 30, ma al suo risveglio ricordava solo la sua vita a 13 anni. Era come se fosse ritornata improvvisamente bambina. Non riconosceva la figlioletta di 18 mesi che le era vicina, nè il marito nell'altra stanza.

La storia di Shawnda. Nel 2004 le era stata diagnosticata la sclerosi multipla. Ma la sua amnesia totale, al momento, resta un mistero. La sua storia, raccontata solo ora, è ripresa dal Washington Post: è il caso dell'americana trentenne che si risveglia tredicenne. Ancora oggi, Shawnda sta cercando di ricostruire il suo passato e reimparare tutto ciò che 'il buco' di 17 anni nella sua memoria le ha portato via. Utilizza facebook, contatti, messaggi, guarda tv e soap opera, fa i compiti insieme alla figlia. Tutto può essere utile per imparare e tentare di riacquistare la propria identità.

Un mistero. Per la scienza e la medicina, però, il suo caso resta un mistero, anche se alcuni attribuiscono la totale amnesia al bombardamento di farmaci cui è stata sottoposta dopo la diagnosi di sclerosi multipla. Ipotesi che però non convince il neurologo Avindra Nath, che ha avuto in cura Shawnda al Johns Hopkins Hospital di Baltimora. «L'ippocampo - spiega l'esperto - è una parte molto importante del cervello correlata alla memoria. Se tale area subisce dunque una distruzione di cellule a causa della infiammazione legata alla sclerosi multipla, ciò può potenzialmente portare ad una perdita della memoria». Tuttavia, commenta, è «sbalorditiva una perdita di memoria di tale portata e così improvvisa».

Shawnda e la tv. Ore davanti alla tv ed ai talk-show: «Vorrei che la gente capisse - afferma Shawnda in un'intervista del 2012 - che questo è il modo in cui ho dovuto imparare. Non conosco la vita in alcun altro modo perché ho perso la mia memoria. Le persone nascono dal grembo materno, vanno a scuola e imparano cos'è

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…