Passa ai contenuti principali

Nuova pubblicazione di Salvi e Zamboni: aggiornamento dei risultati a due anni dall'intervento di liberazione



E' stato pubblicato sulla rivista medica Functional Neurology lo studio intitolato "Venous angioplasty in multiple sclerosis: neurological outcome at two years in a cohort of relapsing-remitting patients" del team emiliano facente riferimento al Dott. Salvi e al Prof. Zamboni. Si tratta della pubblicazione, a due anni di follow-up, dei risultati dell'angioplastica su 29 pazienti con SM recidivante-remittette (RR) sottoposti a liberazione nel primo studio condotto in aperto.
Dei 45 pazienti RR reclutati nel primo studio, sono stati esclusi 6 pazienti che ricevettero il trattamento di angioplastica durante una ricaduta di SM, 9 pazienti con osservazione pre intervento inferiore ai due anni e 1 paziente con osservazione post intervento inferiore ai due anni. Quindi il gruppo preso in esame comprende pazienti con almeno 24 mesi di osservazione pre e post intervento di angioplastica, che non erano in fase acuta durante l'intervento e che sono stati osservati ininterrottamente per 4 anni presso il centro neurologico del Bellaria di Bologna.
Dei 29 pazienti così selezionali, il nuovo studio evidenzia miglioramenti statisticamente significativi della SM, misurati in termini di percentuale annuale di ricadute (p = 0,021) e di valutazione del punteggio EDSS (p = 0.037) che misura il grado di disabilità.
Gli autori, in conclusione, confermano che il trattamento endovascolare per la CCSVI nei pazienti SM-RR sembra essere sicuro, e potrebbe, in aggiunta alle terapie immunomodulanti e immunosoppressive, portare effetti clinici benefici in termini di diminuzione delle ricadute e della disabilità. I risultati dello studio supportano pienamente l'esecuzione di studi clinici multicentrici controllati e randomizzati.


Angioplastica venosa nella sclerosi multipla: risultati neurologici dopo due anni in un gruppo di pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente
Salvi F.,Bartolomei I.,Buccellato E.,Galeotti R.,Zamboni P.
Abstract:
E’ stato condotto uno studio aperto con lo scopo di segnalare i risultati clinici a lungo termine del trattamento endovascolare per insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI) in pazienti affetti da sclerosi multipla (SM).
Ventinove pazienti con SM clinicamente definita recidivante-remittente sono stati sottoposti ad angioplastica percutanea transluminale per CCSVI, al di fuori da una ricaduta clinica. Tutti i pazienti sono stati regolarmente osservati per almeno due anni prima del primo trattamento endovascolare e per almeno due anni dopo (media post-procedura di follow-up 30,6 ± 6,1 mesi). Sono state utilizzate le seguenti misure di outcome clinici: tasso annuo di ricadute e il punteggio della Expanded Disability Status Scale (EDSS). Tutti i pazienti sono stati osservati intensamente (in media 6 ore) il giorno del trattamento endovascolare per monitorare possibili complicanze (emorragia, shock, infarto, morte).Abbiamo confrontato il tasso annuo di ricadute prima e dopo il trattamento (nei due anni prima e due anni dopo il primo trattamento endovascolare) e il punteggio EDSS registrato due anni prima rispetto a due anni dopo il trattamento.Complessivamente sono stati effettuate  44 procedure endovascolari nei 29 pazienti, senza complicazioni. Tredici dei 29 pazienti (45%) sono stati sottoposti a più di una sessione di trattamento a causa di re-stenosi venosa: 11 e 2 pazienti sono stati sottoposti a due e tre trattamenti endovascolari rispettivamente.La percentuale di recidive annuali di sclerosi multipla è risultata significativamente inferiore post-procedura (0,45 ± 0,62 vs 0,76 ± 0,99, p = 0,021), anche se è aumentata in quattro pazienti. Il punteggio EDSS a due anni dopo il trattamento è risultato significativamente più basso rispetto al punteggio alla scala EDSS registrato due anni prima del trattamento (1,98 ± 0,92 vs 2,27 ± 0,93, p = 0.037), anche se è risultato più alto in quattro pazienti.Il trattamento endovascolare della concorrente CCSVI sembra essere sicuro e ripetibile e può ridurre i tassi di recidiva annuali e disabilità cumulativa nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente. Sono necessari  studi randomizzati e controllati per valutare ulteriormente gli effetti clinici del trattamento endovascolare della CCSVI nella SM.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…