Passa ai contenuti principali

La fecondazione in vitro legata all'aumentato tasso di recidiva tra i pazienti con SM


La fecondazione in vitro (IVF) è legata ad un aumento del tasso di recidiva tra le donne con sclerosi multipla (SM), suggerisce un piccolo studio pubblicato online sul Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry.

La terapia ormonale e la gravidanza stessa sono note per influenzare il tasso di recidiva di SM, e le donne con la condizione più numerosa degli uomini di 3 a 1, suggerendo che gli ormoni possono avere un ruolo nella SM.

Gli autori hanno quindi voluto sapere se trattamenti ormonali sintetici utilizzati durante tecniche di riproduzione assistita potrebbero anche avere un qualche  impatto.

Essi basano le loro conclusioni su 32 donne affette da SM, sottoposte a fecondazione in vitro a 13 ospedali universitari francesi per un periodo di 11 anni tra l'inizio del 1998 e la fine del 2008.

Tra di loro, le donne hanno ricevuto 70 cicli di IVF, 48 delle quali includevano l'ormone di rilascio della gonadotropina (GnRH) agonista, e 19 delle quali compreso GnRH antagonista. Si tratta di sostanze chimiche di sintesi, che sono progettate per controllare i tempi del rilascio di ormoni naturali necessari per richiedere alle ovaie e all'utero per prepararsi ad una gravidanza.

Rispetto ai tre mesi precedenti e nei 12 mesi precedenti, IVF, le donne avevano  significativamente (60%) più probabilità di subire una ricaduta nei tre mesi successivi. Ventisei recidive si sono verificate nei tre mesi dopo le 70 procedure di fecondazione in vitro.

Quando il frame di tempo è stato ridotto a 2 mesi, le probabilità sono aumentate  al 71%.

L'aumento del rischio di una recidiva è stato associato con l'uso di agonisti di GnRH, piuttosto che antagonisti, e con insufficienza IVF.

Quarantanove procedure di fecondazione in vitro non sono riuscite a produrre una gravidanza, e tra queste donne il rischio di recidiva è quasi raddoppiato nei tre mesi dopo il trattamento rispetto ai tre mesi precedenti.

La percentuale di gravidanze di successo era più bassa tra quelli trattati con gli antagonisti GnRH (10%) che tra quelli trattati con agonisti del GnRH (40%).

Gli autori sottolineano che lo stress della IVF stessa potrebbe aumentare il rischio di recidiva, e così può spiegare alcune delle associazioni trovati. Ma comunque, le donne con SM che si sottopongono a fecondazione in vitro devono essere informate che esiste un possibile aumento del rischio di recidiva, soprattutto se il trattamento non ha successo, dicono.


In vitro fertilisation (IVF) is linked to an increased rate of relapse among women with multiple sclerosis (MS), suggests a small study published online in the Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry.
Sex hormone therapy and pregnancy itself are known to affect the MS relapse rate, and women with the condition outnumber men by 3:1, suggesting that hormones may have a role in MS.
The authors therefore wanted to know if synthetic hormonal treatments used during assisted reproduction techniques might also have an impact.
They base their findings on 32 women with MS, who underwent IVF at 13 French university hospitals over a period of 11 years between the start of 1998 and the end of 2008.
Between them, the women received 70 cycles of IVF, 48 of which included gonadotrophin releasing hormone (GnRH) agonists, and 19 of which included GnRH antagonists. These are synthetic chemicals, which are designed to control the timing of the release of natural hormones needed to prompt the ovaries and womb to prepare for a pregnancy.
Compared with the three months before, and the 12 months before, IVF, women were significantly (60%) more likely to suffer a relapse in the three months afterwards. Twenty six relapses occurred in the three months after the 70 IVF procedures.
When the time frame was reduced to 2 months, the odds rose to 71%.
The increased risk of a relapse was associated with the use of GnRH agonists, rather than antagonists, and with IVF failure.
Forty nine IVF procedures failed to produce a pregnancy, and among these women the risk of relapse almost doubled in the three months after treatment compared with the three months preceding it.
The proportion of successful pregnancies was lower among those treated with GnRH antagonists(10%) than among those treated with GnRH agonists (40%).
The authors point out that the stress of IVF itself could heighten the risk of relapse, and so may explain some of the association found. But nevertheless, women with MS who undergo IVF should be advised that there is a possible increased risk of relapse, particularly if the treatment is unsuccessful, they say.




Commenti

Post popolari in questo blog

Sclerosi multipla: registro dei farmaci neurologici sottoposti a monitoraggio

Linee Guida 2012 Tysabri clicca qui per scaricare(PDF)Modifiche Gilenya 4 giugno 2012 su Gilenya clicca qui per scaricare(PDF)Nuovi controlli sulla scheda di Eleggibilità/Diagnosi (30 aprile 2012) su Gilenya clicca qui per scaricare(DOC)nota informativa importante del 30 aprile 2012 su Gilenya comunicato stampa Ema Gilenya 30 aprile(PDF)comunicato stampa 23 aprile 2012 comunicato stampa Ema Gilenya(PDF)Avviso modifica scheda Diagnosi Gilenya (fingolimod) del 16/03/2012 Scarica messaggio circolareNota Informativa Importante su Gilenya (fingolimod) del 30/01/2012 Scarica la notaComunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Faq Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod) del 20/01/2012 - Sicurezza Comunicato Stampa EMA su Gilenya (fingolimod)Comunicazione AIFA del 16/01/2012 sulle schede Gilenya Comunicato schede Gilenya 2Comunicazione AIFA del 07/12/2011 sulle schede Gilenya Comunicato schede GilenyaInformazioni …

Rebif: reazioni avverse

I pazienti devono essere informati sulle più frequenti reazioni avverse associate alla somministrazione di interferone beta, inclusi i sintomi della sindrome si mil-influenzale (vedere paragrafo 4.8). Questi sintomi sono più evidenti all’inizio della terapia e diminuiscono in frequenza e gravità con il proseguire del trattamento.

Rebif deve essere somministrato con cautela ai pazienti con disturbi depressivi pregressi o in corso ed in particolare a quelli con precedenti ideazioni suicide (vedere paragrafo 4.3). È noto che depressione e ideazioni suicide sono presenti con maggior frequenza nella popolazione dei malati di sclerosi multipla ed in associazione con l’uso dell’interferone. I pazienti in trattamento con Rebif devono essere avvisati di riferire immediatamente al loro medico l’eventuale comparsa di sintomi depressivi o ideazioni suicide. I pazienti affetti da depressione devono essere tenuti sotto stretto controllo medico durante la terapia con Rebif e trattati in modo appropr…

Zamboni, nuove conferme

Notizia del 6 luglio 2012:

Bologna - Un messaggio di «verità e di equilibro» sullo stato degli studi intorno alla correlazione tra sclerosi multipla e Ccsvi, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale, patologia scoperta da Paolo Zamboni, che da svariati anni crea dibattito all’interno della comunità scientifica.
Mentre è a un passo dal partire “Brave dreams”, studio multicentrico finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, guidato dallo stesso Zamboni, la Onlus “Ccsvi nella sclerosi multipla” ha organizzato al Cnr di Bologna un incontro per fare il punto sugli ultimi risultati.«Studi realizzati in tutto il mondo - ha detto la presidente della Onlus, Gisella Pandolfo - non collegati tra di loro, evidenziano una stretta correlazione tra Ccsvi e Sclerosi multipla».
Accanto alla presidente (assente la sua omologa onoraria, Nicoletta Mantovani), tre medici, Giampiero Avruscio, direttore medicina specialistica all’ospedale S.Antonio di Padova; Pietro Maria Bavera, responsabile servizio angio…